La scuola di Jaipur, in India

L’1 luglio 2019 è iniziato il primo anno scolastico della scuola di KEEP OUT in India.

Grazie alla raccolta fondi derivata dalla vendita dei bracciali della collezione Jaipur, KEEP OUT, azienda orafa che ha reso il ditale un gioiello da indossare, ha infatti costruito una scuola in India più precisamente nella zona di Rajasthan.

Sono stati necessari un anno e mezzo di lavori, molte braccia ed altrettanta passione e tenacia per costruire, mattone su mattone, la scuola elementare KEEP OUT.

Ieri, 36 bambini, divisi in 3 classi, hanno iniziato un nuovo capitolo della loro vita grazie all’istruzione elementare. Oltre alle tre classi sono state realizzate anche una cucina e i servizi, per accogliere al meglio bambini dal futuro difficile.

“Un grande sogno che si realizza –  ha affermato Stefania Gagliardone fondatrice del brand – abbiamo scelto un villaggio tra i più poveri del Rajasthan, dove l’istruzione era negata ai
bambini orfani, con l’obiettivo di dar loro la possibilità di cambiare le proprie sorti. Un traguardo che mi rende molto orgogliosa della mia azienda e che dedico a mio padre Bruno, che non c’è più.

Devo dire molti grazie per questo importante risultato. In primo luogo ai tanti fan di KEEP OUT che, acquistando un bracciale Jaipur, realizzato con delle meravigliose  sete indiane,
hanno fatto sì che potessimo devolvere alla causa  2 euro per ogni bracciale venduto. Un grazie di cuore al nostro socio ed amico Gaetano Giuffrè che ha contribuito in maniera sostanziale. Grazie a Raju che con la sua presenza costante e con la sua attenzione in cantiere, ha reso tutto questo possibile. Grazie a tutti coloro che hanno fatto donazioni spontanee e che hanno creduto in noi, e
infine grazie anche alla mia testardaggine, che mi obbliga a non mi fermarmi mai.”

 

Seguire un regime alimentare sano ed equilibrato, non saltare mai la colazione, prediligere frutta e
Le vacanze sono ormai agli sgoccioli. Le nuvole e la pioggia stanno lentamente prendendo il
La passione per le biotecnologie si scopre tra i banchi di scuola: Fondazione Amgen, grazie