Maggior rischio demenza con alcuni farmaci

Un nuovo studio dice che alcuni farmaci, spesso presi per disturbi comuni, possono aumentare il rischio di demenza.

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine, indica che, nel nuovo studio, c’era stato un aumento del 50% delle probabilità di sviluppare la demenza tra coloro che avevano preso un farmaco anticolinergico per tre anni o più.

Il legame è più pronunciato con alcuni tipi di farmaci anticolinergici come quelli antidepressivi, antipsicotici, antiepilettici e per il trattamento della vescica.

Si tratta di uno studio osservazionale, ha avvertito Carol Coupland, professoressa nell’Università di Nottingham, nel Regno Unito, e direttrice dello studio. Il che significa che un’associazione può essere stabilita, ma non una relazione causa-effetto tra i due fattori.

Tuttavia, la ricercatrice ha detto che è importante per i medici essere consapevoli di questa ricerca quando si prescrivono certi farmaci. Coupland ha anche detto che le persone che sono in trattamento con questi prodotti non dovrebbero lasciarli senza consultare i loro medici.

La demenza colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo. Questa cifra triplicherà nel 2050, secondo le stime dell’OMS.

Anche se non esiste una cura per la demenza, uno stile di vita che include l’attività fisica, una buona alimentazione ed evita il tabacco e il consumo eccessivo di alcol può contribuire notevolmente al ritardo del declino cognitivo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Anche l’ipertensione, il colesterolo alto e il diabete possono contribuire a far sviluppare la demenza.

 

Potrebbero interessarti anche...