Milano ospita il ‘Patto Trasversale per la Scienza’

ICAR 2019 OSPITA IL “PATTO TRASVERSALE PER LA SCIENZA” – Si terrà mercoledì 5 giugno, prima dell’inaugurazione della 11a edizione del Congresso ICAR, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano, la prima riunione del Patto Trasversale per la Scienza (PTS), associazione nata da un manifesto promosso dai professori Guido Silvestri e Roberto Burioni, firmato da centinaia di scienziati, politici e uomini di cultura.

L’associazione “Patto Trasversale per la Scienza”, apolitica, apartitica e senza finalità di lucro, ha l’obiettivo di promuovere e diffondere la scienza, il metodo scientifico e la cultura della scienza in Italia. L’associazione si rivolge in maniera trasversale a tutti gli attori sociali e politici (scuole, media, magistratura, politica, associazioni, istituzioni) per promuovere e proteggere la scienza e il metodo scientifico, per tutelare il diritto di ogni italiano di essere formato, informato, curato, assistito e governato nel rispetto della scienza e delle evidenze scientifiche.

ICAR2019 ospita il PTS poiché condivide i principi di questo Manifesto: promuovere e proteggere la scienza contro la pseudoscienza – dichiara la professoressa Antonella D’Arminio Monforte, uno dei quattro Presidenti del Congresso ICAR – Chi da anni si occupa di HIV e AIDS a tutti i livelli (ricerca, assistenza, volontariato) sa bene che il negazionismo, lo stigma e l’ignoranza hanno fatto troppe vittime e sa quanta pseudoscienza, quante false informazioni e discriminazioni ostacolino ancora oggi l’acquisizione di una conoscenza laica e comune e la tutela delle persone che vivono con l’infezione da HIV. Diffondere la cultura della scienza e assicurare i fondi per promuoverla è un dovere etico di tutti noi”.

L’ADESIONE DI SIMIT AL PATTO, TRA LE PRIME SOCIETA’ A SCHIERARSI IN FAVORE DELLA SCIENZA- “ICAR è la principale iniziativa che gli Infettivologi italiani, unitamente alle altre società scientifiche e alle associazioni di volontariato, dedicano alla lotta e allo studio delle malattie virali ed in particolare di HIV/AIDS – dichiara il prof. Massimo Galli, Presidente SIMIT. – È particolarmente significativo che il patto trasversale per la scienza abbia scelto di tenere, in questa occasione, la sua prima riunione. Così come molto ancora resta da fare per rimuovere la cappa di ignoranza, generatrice di stigma, che ancora grava su HIV/AIDS, ancora troppe false notizie, fino al dichiarato negazionismo sul ruolo di HIV nel causare la malattia, trovano libera diffusione. Falsità antiscientifiche che trovano matrice negli stessi ambienti che sostengono campagne contro le vaccinazioni. Le prime motivazioni sulla costituzione del Patto sono venute proprio dalla necessità di riaffermare la scienza contro queste forme di oscurantismo e di manipolazione. SIMIT ribadisce la propria ferma adesione alle finalità del Patto alle azioni che il Patto saprà certamente portare avanti per perseguirle.

IL CONGRESSO ICAR 2019 – Si svolgerà da mercoledì 5 a venerdì 7 giugno, a Milano, l’11a edizione del Congresso ICAR, Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, il punto di riferimento per la comunità scientifica nazionale in tema di HIV-AIDS, Epatiti, Infezioni Sessualmente Trasmissibili e virali. ICAR è organizzata sotto l’egida della SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, e di tutte le maggiori società scientifiche di area infettivologica e virologica e del mondo della community. Il Congresso sarà presieduto dai professori Antonella Castagna (Professore associato, Malattie Infettive, Università Vita-Salute San Raffaele), Antonella d’Arminio Monforte (Professore Ordinario di Malattie Infettive all’Università di Milano e Direttore Struttura Complessa di Malattie Infettive, ASST Santi Paolo e Carlo), Massimo Puoti (Direttore struttura complessa Reparto Malattie Infettive Ospedale Niguarda) e Giuliano Rizzardini (Responsabile Malattie Infettive, Ospedale Luigi Sacco – Polo Universitario di Milano). Si terrà presso l’Università Statale, in via Festa del Perdono, 7. Attesi 1200 partecipanti, tra specialisti e clinici anche dall’estero, ricercatori di base, infermieri, operatori nel sociale, volontari delle associazioni pazienti tutto il mondo della “community.

Tante le iniziative anche per coinvolgere della società civile: test rapidi gratuiti in piazza per HIV e HCV; “RaccontART”, il contest artistico che ha coinvolto 300 studenti delle scuole superiori; gli “ICAR-CROI Awards”, assegnati ai migliori contributi dei giovani ricercatori italiani che hanno meritato di presentare i propri lavori al Congresso CROI di Seattle; la ICAR Run, una gara podistica non competitiva, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della prevenzione. Appuntamento il 6 giugno, con partenza presso l’Università degli Studi di Milano, dalle 18:30 alle 20.

Potrebbero interessarti anche...