La demenza triplicherà entro il 2050

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che il 5 – l’8 per cento della popolazione degli ultra 60enni soffrirà di demenza, in un dato momento.

La demenza è un problema di salute pubblica che sta progredendo rapidamente, a causa dell’invecchiamento della popolazione, e colpisce circa 50 milioni persone in tutto il mondo.

Secondo le previsioni, questo numero dovrebbe triplicare nel 2050, raggiungendo 152 milioni persone.

Il morbo di Alzheimer è la causa più comune di demenza ed è responsabile del 60 70% dei casi, secondo l’OMS.

L’età è il principale fattore di rischio per il declino cognitivo, ma la demenza “non è una conseguenza naturale o inevitabile della vecchiaia” ha spiegato il dottor Neerja Chowdhary, del dipartimento di salute mentale dell’OMS, in una conferenza stampa.

Diversi studi recenti hanno rivelato un legame tra lo sviluppo del deterioramento cognitivo e i fattori di rischio legati allo stile di vita come l’inattività fisica, il fumo, le diete scarsamente bilanciate e il consumo dannoso di alcol, come ha detto l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite.

Alcuni disturbi, come l’ipertensione, il diabete, l’ipercolesterolemia, l’obesità e la depressione, inoltre, sono associati ad un aumento del rischio di demenza.

Altri fattori di rischio modificabili sono “isolamento sociale e inattività cognitiva “.

Un quarto degli adulti del mondo fa troppo poco esercizio fisico, mettendo a rischio la
Se la tendenza attuale sarà confermata, circa un quarto della popolazione mondiale sarà obesa entro
Ogni anno, l'inquinamento atmosferico uccide 7 milioni di persone. L'inquinamento è responsabile di malattie cardiovascolari,