La dieta DASH per l’ipertensione contrasta l’insufficienza cardiaca

I ricercatori della Wake Forest School of Medicine (USA) hanno trovato che la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension), studiata per contrastare l’ipertensione, giova anche al cuore.

In un nuovo studio osservazionale fatto su più di 4.500 persone, di età compresa tra i 45 e gli 84 anni, e i cui risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Preventive Medicine, hanno visto che gli individui che avevano meno di 75 che rispettavano la dieta DASH, per contrastare l’ipertensione, avevano ridotto al 40 per cento il rischio di insufficienza cardiaca.

La dieta DASH prevede il consumo di frutta, verdura, noci, cereali integrali, pollame, pesce e latticini a basso contenuto di grassi. Scoraggia il consumo di sale, di carne rossa, di dolci e bevande zuccherate. È simile alla dieta mediterranea, ma differisce da essa in quanto raccomanda prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi ed esclude le bevande alcoliche.

“Solo pochi studi precedenti avevano esaminato gli effetti della dieta DASH sull’incidenza dello scompenso cardiaco ed essi avevano prodotto risultati contraddittori. Questa ricerca dimostra che seguendo la dieta DASH è possibile ridurre il rischio di sviluppare l’insufficienza cardiaca di circa la metà”, ha detto Claudia L. Campos, autrice principale dello studio.

 

Lavarsi spesso i denti è associato a un minor rischio di avere fibrillazione atriale e
Uno studio preclinico fatto su dei topi ha testato un nuovo metodo che potrebbe prevenire
L’insufficienza cardiaca (nota anche come scompenso cardiaco) è una patologia provocata dalla compromissione della funzione