Più a rischio di ictus assumendo troppi antibiotici

Le donne che assumono antibiotici per un lungo periodo di tempo sono a maggior rischio di infarto o di ictus, secondo una nuova ricerca condotta su quasi 36.500 donne.

Lo studio, pubblicato sull’European Heart Journal, ha rilevato che le donne di età pari o superiore a 60 anni che assumevano antibiotici per due o più mesi, avevano un maggior rischio di malattie cardiovascolari, ma la lunga durata dell’uso di antibiotici poteva essere anche associata ad un aumentato rischio di malattia durante mezza età (40-59 anni). I ricercatori non hanno riscontrato alcun aumento del rischio nell’uso di antibiotici da parte dei giovani adulti di età compresa tra i 20 e i 39 anni.

Il professor Lu Qi, direttore del centro di ricerca sull’obesità della Tulane University, a New Orleans, e professore della Harvard TC Chan School of Public Health, Boston, USA, che ha condotto la ricerca, dice che un possibile motivo per cui l’uso di antibiotici è collegato ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari è perché gli antibiotici alterano l’equilibrio del microambiente nell’intestino, distruggendo i batteri probiotici e aumentando la prevalenza di virus e di altri batteri o microrganismi che possono causare delle malattie.

“L’uso di antibiotici è il fattore più critico nell’alterazione dell’equilibrio dei microrganismi nell’intestino. Studi precedenti avevano già mostrato un legame tra le alterazioni dell’ambiente microbiotico dell’intestino e l’infiammazione, il restringimento dei vasi sanguigni, l’ictus e le malattie cardiache”, ha spiegato.

Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori hanno studiato 36.429 donne che avevano preso parte allo studio sulla salute degli infermieri, in corso negli Stati Uniti, dal 1976. La ricerca attuale ha esaminato i dati relativi al periodo 2004 – 2012.

Nel 2004, le donne avevano almeno 60 anni ed è stato chiesto loro quanto avessero usato antibiotici quando erano giovani (20-39 anni), quando erano nella mezza età (40-59 anni) o più anziane (60 anni e più). I ricercatori hanno poi suddiviso le donne in quattro gruppi: quelle che non avevano mai assunto antibiotici, quelle che li avevano assunti per periodi di tempo inferiori a 15 giorni, quelle che li avevano presi per un periodo che andava da 15 giorni a due mesi e quelle che li avevano assunti per due mesi o più.

In un periodo di circa otto anni, durante il quale le donne avevano continuato a compilare i questionari ogni due anni, 1056 partecipanti hanno sviluppato delle malattie cardiovascolari.

Dopo gli aggiustamenti fatti per tener conto dei fattori che possono influenzare i risultati, come età, razza, sesso, dieta, stile di vita, sovrappeso, obesità, malattie, uso di farmaci, i ricercatori hanno scoperto che le donne che avevano usato gli antibiotici per due mesi o più, nella tarda età, avevano avuto il 32% più probabilità di sviluppare delle malattie cardiovascolari, rispetto alle donne che non avevano usato gli antibiotici. Le donne che avevano assunto antibiotici per più di due mesi nella mezza età avevano avuto un rischio aumentato per le malattie cardiovascolari del 28%, rispetto alle donne che non li avevano assunti.

Questi risultati indicano che, tra le donne che assumono antibiotici per due mesi o più in età adulta, 6 donne su 1.000 sviluppano una malattia cardiovascolare, rispetto alle 3 donne per 1.000 per quelle che non assumono antibiotici.

Il primo autore dello studio, dottor Yoriko Heianza. ricercatore nella Tulane University, ha affermato: “Studiando la durata dell’uso di antibiotici in varie fasi dell’età adulta, abbiamo trovato un’associazione tra l’uso a lungo termine nella mezza età e in età avanzata e un aumento del rischio di ictus e malattie cardiache negli otto anni seguenti.

Le donne, invecchiando, hanno maggiori probabilità di aver bisogno di più antibiotici e, a volte, per periodi di tempo più lunghi, il che suggerisce che un effetto cumulativo potrebbe essere la ragione del legame più forte, nell’età avanzata, tra l’uso di antibiotici e le malattie cardiovascolari”, ha spiegato l’esperto.

Le ragioni più comuni per l’uso di antibiotici nelle donne dello studio erano state le infezioni respiratorie, le infezioni del tratto urinario e i problemi dentali.

Il prof. Qi ha concluso: “Questo è uno studio osservazionale e quindi non può dimostrare che gli antibiotici causano malattie cardiache e ictus, ma solo che esiste un legame tra di loro…Il nostro studio suggerisce che gli antibiotici dovrebbero essere usati solo quando sono assolutamente necessari. Considerando gli effetti avversi potenzialmente cumulativi, è meglio usare queste medicine per un breve periodo di tempo”.

Potrebbero interessarti anche...