Farmaco per l’ipertensione può curare il Parkinson

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, gli scienziati del Dementia Research Institute del Regno Unito e del Cambridge Institute for Medical Research dell’Università di Cambridge hanno dimostrato che la felodipina, un farmaco per l’ipertensione, nei topi riduce il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson.

Il team di ricercatori guidato dal professor David Rubinsztein ha usato dei topi geneticamente modificati con malattia di Huntington o con il morbo di Parkinson e dei pesci zebra.

La felodipina è stata efficace nel ridurre l’accumulo degli aggregati nei topi con mutazioni della malattia di Huntington e di Parkinson e nel modello di demenza dei pesci zebra. Gli animali trattati mostravano anche meno segni delle malattie.

“Questa è la prima volta che uno studio ha dimostrato che un farmaco approvato può rallentare l’accumulo di proteine ​​nocive nel cervello dei topi utilizzando dosi che mirano a simulare le concentrazioni del farmaco viste negli esseri umani” ha detto il professor Rubinsztein. Nello studio, “il farmaco è stato in grado di rallentare la progressione di queste condizioni potenzialmente devastanti e quindi crediamo che dovrebbe essere sperimentato nei pazienti”, ha aggiunto.

“Il farmaco dovrà essere testato nelle persone per vedere se ha gli stessi effetti sull’uomo come nel topo. Dobbiamo essere cauti, ma possiamo essere cautamente ottimisti”, hanno detto gli scienziati.

Potrebbero interessarti anche...