Magrè, musica classica contemporanea a VIN-o-TON

Vino rosso

Grandi compositori di musica classica contemporanea si sono alternati, negli anni, come Artist in Residence; si sono ispirati al nostro approccio olistico e hanno creato meravigliose composizioni per le quali li ringraziamo molto“, spiega Alois Lageder, che dieci anni fa ha dato vita al progetto musicale VIN-o-TON insieme alla moglie Veronika Riz e al direttore artistico Thomas Larcher. “Per celebrare questo importante anniversario, abbiamo deciso di mettere in risalto il nostro territorio, l’Alto Adige. Insieme a Thomas Larcher siamo riusciti, per questa edizione speciale, a coinvolgere Eduard Demetz, uno dei più rispettati e migliori compositori del nostro paese“, riferisce Alois Lageder.
Il compositore ha scritto un duo per baritono e pianoforte per Andrè Schuen, anch’egli altoatesino di Wengen in Val Gardena, che porta il titolo “vërt tla bocia (verde in bocca)”. È accompagnato dal pianista Daniel Heide di Weimar. I testi delle sette poesie messe in musica provengono dalla poetessa altoatesina Roberta Dapunt.

Le poesie di Roberta mi hanno lasciato attonito tanto sono profonde, intense, complesse nei loro ragionamenti, e al tempo stesso fortemente poetiche. Le sette che ho scelto di mettere in musica sono quelle, a mio avviso, più pregne di elementi che considero primordiali: il linguaggio, l’incontro, la madre terra, la madre biologica (in ladino: uma), il rapporto fra la carne e l’anima, lo smarrimento e il silenzio. Oltre a questi elementi di respiro universale, tre poesie sono incentrate sul rapporto fra lingua, comunicazione e dialogo, un aspetto che ha destato ancora di più il mio interesse, poiché nella fattispecie la riflessione sul linguaggio prende le mosse dal contesto culturale di una comunità linguistica assai ristretta”, spiega il compositore.

La prima assoluta della composizione commissionata e l’esecuzione delle opere di Franz Schubert, Felix Dapoz, Jepele Frontull, Franz Liszt e Francesco Paolo Tosti si svolgerà il 23 febbraio a partire dalle ore 12.00 presso lo storico palazzo Casòn Hirschprunn a Magrè.

Composizione, musica e testo sono le tre arti che si intrecciano in questa edizione dell’anniversario“, Veronika Riz è lieta di riferire. “Il nostro obiettivo era e rimarrà quello di promuovere la musica contemporanea e di rendere le opere accessibili ad un vasto pubblico. Consideriamo un importante compito sociale quello di unire le persone con l’arte, la musica e, naturalmente, il vino“, sottolinea l’artista.

Eduard Demetz, Composer in Residence
Dopo essersi laureato in pianoforte (magistero) e direzione d’orchestra al Mozarteum di Salisburgo, Eduard Demetz frequentò corsi di specializzazione e seminari d’approfondimento con Gary Bertini, Norman Shetler, Pierre Boulez e Peter Eötvös.
Da allora, oltre ad aver composto numerose opere per orchestra sinfonica e da camera, coro, pianoforte, trio con pianoforte e orchestre di ottoni, ha scritto brani per il cinema, il teatro e la televisione, per esempio su commissione della Bavaria-Film di Monaco. Nel 1998 gli fu assegnata in Austria una borsa di studio di composizione, nel 2001 ricevette il premio Walther von der Vogelweide, e nel 2015 vinse il premio di composizione del Quartetto Artemis. Varie sue opere sono state trasmesse anche da emittenti televisive come la RAI, lo ZDF e l’ORF.
Eduard Demetz insegna al Conservatorio di Bolzano ed è il vicepresidente del Festival di cultura contemporanea “Transart”.

Andrè Schuen
Nato nella località di La Valle, in Alta Badia, il baritono Andrè Schuen si è formato al Mozarteum di Salisburgo studiando sia canto con Horiana Branisteanu, sia lied e oratorio con Wolfgang Holzmair.
Nei due CD di lied incisi finora, accompagnato dal pianista Daniel Heide, Andrè Schuen si è cimentato con brani di Schumann, Wolf e Martin guadagnandosi nel 2016 il premio ECHO per la musica classica nella categoria “Miglior artista esordiente dell’anno”. Inoltre, insieme al Terzetto Boulanger ha inciso alcuni brani di Beethoven.

Daniel Heide
Originario di Weimar (D), il pianista Daniel Heide è uno degli accompagnatori di lied e brani di camera più ambiti della sua generazione. Dopo la laurea conseguita alla Franz-Liszt-Hochschule nella propria città natale, e i preziosi suggerimenti ottenuti da Christa Ludwig e Dieter Fischer-Dieskau, Heide ha iniziato a tenere concerti in tutta l’Europa e in Asia. Il CD inciso insieme ad Andrè Schuen ha già ottenuto il premio ECHO per la musica classica nella categoria dei migliori cantanti esordienti.

Thomas Larcher, direttore artistico
Thomas Larcher ha disegnato il progetto artistico VIN-o-TON con Alois e Veronika Lageder fin dall’inizio. Il compositore e performer tirolese ha fondato il Klangspuren Festival a Schwaz nel 1994 e dal 2004 è direttore artistico di Musik im Riesen (Swarovski Wattens).

Programma della Matinee:
ore 11:00: Tavola rotonda in lingua tedesca e italiana con Eduard Demetz, Daniel Heide e Roberta Dapunt, che reciterà le 7 poesie messe in musica da Eduard Demetz. Presenterà Mateo Taibon.

12:00: Concerto

Potrebbero interessarti anche...