L’incandidabilità di un condannato in via definitiva è una questione etica

L’incandidabilità di un condannato in via definitiva a una pena superiore a due anni “è una questione etica”, ha detto il segretario dell’Associazione nazionale magistrati (Anm), Maurizio Carbone, intervenendo ieri al 31esimo Congresso nazionale dell’Associazione stessa.

“Ora ci sono dubbi sull’applicazione della legge”, ma “a stabilire il principio dell’incandidabilità dovrebbero essere i partiti nei propri codici etici. La politica da sola dovrebbe decidere sui criteri di eleggibilità”, ha aggiunto.

Il fatto che l’Italia abbia avuto “bisogno di una legge”, a suo dire, testimonia “la debolezza della politica”.

”La debolezza politica – ha spiegato il Segretario dell’Anm -costringe la magistratura a intervenire, come nel caso Ilva o per i temi bioetici, andando così a supplire di fronte a inefficienze od omissioni di un altro potere dello Stato, che, poi, invece di riconoscere il doveroso intervento dei magistrati, li attacca e li accusa di aver invaso il campo altrui”.

La Sugar tax è una misura positiva, è però necessario che i proventi siano investiti
di Lorenzo Asuni Gli sforzi del primo governo Conte si sono concentrati sull’online che risulta
da AIG - Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù Serve dare slancio ad un settore
In vista delle elezioni del 4 marzo, FlixBus, leader europeo della mobilità in autobus, lancia