Un bel bagno caldo abbassa l’infiammazione e la glicemia

Filed under In evidenza, Lifestyle, News, Salute

Se non si riesce a fare esercizio fisico, un bel bagno caldo può aiutare a migliorare l’infiammazione e i livelli di zucchero nel sangue, secondo un nuovo studio.

Alcuni scienziati hanno analizzato in particolare i marcatori dell’infiammazione, i livelli di zucchero nel sangue e quelli di insulina, in un gruppo di uomini sedentari e in sovrappeso.

Lo stress fisico come quello provocato dal movimento possono aumentare il livello di una sostanza, definita IL-6, che attiva il rilascio di sostanze capaci di combattere livelli di infiammazione insalubri, noti come infiammazione cronica di basso grado.

Durante lo studio, gli scienziati hanno chiesto ai volontari di sottoporsi a prove di immersione in acqua calda e a temperatura ambiente (per il controllo) separate da almeno tre giorni.

Gli scienziati hanno effettuato un’analisi del sangue a riposo dopo che i membri erano stati in una stanza a 27 gradi C, per 15 minuti. Dopo il periodo di riposo, i membri o sono rimasti seduti nella stanza o sono entrati in una doccia con acqua bollente per 60 minuti.

Nel preliminare con acqua calda, i volontari sedevano sommersi fino al collo in acqua a 39 gradi C. Il gruppo di ricercatori ha misurato la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la temperatura corporea degli uomini a intervalli regolari per tutto il periodo di controllo e le condizioni di immersione. Le analisi del sangue sono state prese nuovamente subito dopo e due ore dopo ogni sessione.

E’ emerso che una singola sessione di immersione con acqua calda aveva provocato l’aumento della concentrazione plasmatica di IL-6 e una maggiore produzione di ossido nitrico, ma non aveva modificato l’espressione dellaproteina da shock termico (HSP72), un’altra proteina ritenuta importante per la salute.

I volontari avevano anche ridotto lo zucchero nel sangue a digiuno e i livelli di insulina, oltre a migliorare l’infiammazione a basso grado a riposo.

Lo studio, dunque, ha trovato esiti positivi nella diminuzione dell’infiammazione e nel miglioramento della sensibilità all’insulina.

Il lavoro suggerisce che l’immersione nell’acqua calda può migliorare gli aspetti del profilo infiammatorio e migliorare il metabolismo del glucosio nei maschi sedentari e in sovrappeso e potrebbe avere implicazioni per il miglioramento della salute metabolica nelle popolazioni incapaci di soddisfare le attuali raccomandazioni sull’attività fisica.

Il ricercatore Sven Hoekstra ha dichiarato: “Poiché la ricerca sul riscaldamento passivo per migliorare la salute cardiometabolica è ancora agli inizi, questo studio fornisce forti motivazioni per continuare il lavoro su un trattamento che potrebbe fornire un’alternativa alle persone a cui non è consentito svolgere attività fisica“.

“In futuro, speriamo di poter estendere questa ricerca alle popolazioni che potrebbero trarre maggior beneficio dagli interventi di riscaldamento passivo, come gli anziani o le persone con disabilità che impediscono loro di svolgere attività fisica”.
Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Applied Physiology .

You must be logged in to post a comment Login