Fegato grasso causato da una dieta ricca di grassi e colesterolo

Una dieta ricca di colesterolo può innescare cambiamenti nel sistema immunitario, e questo può portare alla malattia del fegato grasso.

Conosciuta come steatosi epatica non alcolica (NASH), alla fine la malattia progredisce evolvendosi in cirrosi o in cancro del fegato, soprattutto in chi è obeso o soffre di diabete di tipo 2.

I ricercatori della Keck School of Medicine hanno scoperto che una combinazione tossica di grassi alimentari e colesterolo influisce sul comportamento dei macrofagi, un tipo di globuli bianchi che sono nel fegato.

Utilizzando un modello murino, lo studio ha trovato cosa compromette il sistema immunitario portando al tipo di infiammazione e di cicatrizzazione del fegato che si riscontra comunemente nei pazienti con NASH.

Dopo aver alimentato i topi con cibi contenenti diversi livelli di grassi e di colesterolo, il team ha scoperto che la combinazione di entrambi aveva avuto un’azione sinergicamente dannosa sui geni che regolano l’infiammazione e le cicatrici del fegato.

Le lipoproteine a bassa densità nella forma ossidata del colesterolo, in particolare, sono associate un’espressione genica legata all’infiammazione e alla formazione di cicatrici.

Il gruppo di studiosi ha anche identificato un nuovo tipo di macrofago riparativo che contrasta l’infiammazione.

“Nonostante la sua crescente prevalenza e il peso del sistema sanitario, attualmente non esistono terapie approvate per la somministrazione di cibo e farmaci per la steatosi epatica non alcolica“, ha affermato Hugo Rosen, autore dello studio, apparso sul Journal of Hepatology. “C’è bisogno urgente di capire meglio le cause della progressione della malattia del fegato grasso non alcolico in modo che delle terapie di successo possano essere progettate e introdotte nella pratica clinica”.

Potrebbero interessarti anche...