Cresce l’uso degli antidepressivi ma non migliora la salute mentale

Filed under In evidenza, Lifestyle, News, Salute

Il numero di antidepressivi somministrati continua ad aumentare, ma i ricercatori ammettono che non ci sono prove che essi migliorino la salute mentale o che riducano i suicidi.

Uno studio dell’Università di Otago pubblicato nel New Zealand Medical Journal ha esaminato le prescrizioni degli antidepressivi tra il 2008 e il 2015, trovando che il gruppo di utenti più elevato era costituito da donne europee, che avevano in particolare 65 anni o più.

“Immagino sia perché si presentano angosciati più spesso, ma se si guarda all’epidemiologia della depressione, probabilmente non sono il gruppo con una depressione grave e con la malinconica condizione in cui gli antidepressivi dovrebbero essere usati”, ha detto il professor Roger Mulder, uno degli autori principali dello studio.

“Quello che sembra si faccia è prescrivere sempre di più, soprattutto alle donne bianche, e non abbiamo prove che ciò comporti una significativa riduzione dei livelli di disagio”, ha detto Mulder.

Ciò “suggerirebbe che dare alle persone sempre più antidepressivi non sia il modo migliore per gestire ciò che sta succedendo…in una comunità sempre più angosciata”, ha detto Mulder,  affermando che la sua ricerca solleva dubbi sul modo in cui sono state fatte le prescrizioni, senza prove che più prescrizioni antidepressive migliorino la salute mentale della comunità o riducano il suicidio.

“Gli antidepressivi hanno effetti collaterali significativi e abbiamo prove limitate sulla loro efficacia a lungo termine”, dice lo studio.

I risultati dello studio hanno mostrato che gli SSRI, che agiscono aumentando i livelli di serotonina nel cervello, rappresentano circa la metà di tutte le prescrizioni in caso di salute mentale.

You must be logged in to post a comment Login