UA-72767483-1

I marmi di Henraux a San Miniato

Filed under News, Notizie

I marmi di Henraux a San Miniato
30 ottobre 2018 – 7 gennaio 2019
Percorso di sculture monumentali nella città

park-eun-sun-due-colonne-infinite<

Dieci sculture monumentali della Collezione Henraux e Fondazione Henraux sono state installate nel centro storico di San Miniato (PI), in un percorso suggestivo di opere monumentali realizzate in marmo e per la prima volta esposte in città. Questo straordinario progetto espositivo, inaugurato martedì 30 ottobre, va ad arricchire ulteriormente la bellezza delle piazze e dei monumenti di San Miniato, incantevole città medioevale toscana, famosa per la sua bellezza e per essere territorio di giacimenti del pregiatissimo tartufo bianco per il quale è in preparazione la 48^ Mostra Mercato Nazionale del tartufo bianco. Dunque, un’occasione straordinaria per visitare la mostra di sculture e compiere un eccellentissimo tour enogastronomico.

I Palazzi e i monumenti di San Miniato, caratterizzati dalle calde atmosfere delle pietre, dei mattoni e degli intonaci, accolgono il candore dei marmi in un contrasto suggestivo e unico per la città toscana, che vede per la prima volta l’allestimento di una grande mostra d’arte contemporanea.

Kim De Ruysscher - Il canotto

Il nucleo di sculture, scelte fra quelle della Collezione Henraux, vede l’allestimento in Piazza Grifoni di Arrivederci e Grazie di Fabio Viale, Bue tractor di Mattia Bosco, Materialità dell’invisibile di Mikayel Ohanjanyan e Il canotto di Kim De Ruysscher. All’ingresso del Palazzo Comunale si trova Frappa di Francesca Pasquali, mentre Moby Dick (Vertebra) di Daniele Guidugli è allestita nell’Oratorio del Loretino. La Piazza del Duomo accoglie due colonne infinite di Park Eun Sun, artista coreano di fama internazionale che ha scelto la Toscana come luogo d’elezione per vivere e lavorare. Di Helidon Xhixha, artista albanese che  vive e lavora a Dubai, le cui sculture sono esposte e apprezzate in tutto il mondo, si potrà ammirare Symbiosis installata all’ingresso del Giardino Bucalossi.
Mikayel Ohanjanyan - Materialità dell'invisibile

In ultimo, sulla rotatoria a San Miniato Basso (uscita Fi-Pi-Li) è ospitata la monumentale Balena di Giovanni Manganelli, opera che richiama la favola di Pinocchio, antico nome della frazione, oggi ripristinato.

La collezione di opere della Fondazione Henraux, che si va arricchendo sempre più ad ogni edizione del nostro Premio biennale per la scultura, riceve molti consensi sia in ambito pubblico sia in ambito privato – ha dichiarato il presidente della Fondazione Henraux Paolo Carli -. Le sculture che compongono la collezione, quasi tutte monumentali, sono state particolarmente apprezzate dal Comune di San Miniato con il quale abbiamo progettato la mostra. La mission della Fondazione Henraux è di rendere fruibili al pubblico le proprie sculture, di presentarle in spazi aperti e pubblici, per questa ragione il progetto è nato con l’intento di trasformare le vie e le piazze di San Miniato in un museo temporaneo di scultura contemporanea. A San Miniato abbiamo trovato un’accoglienza fantastica per le nostre opere. Dagli spazi storici che vedono il connubio vero e proprio con la nostra collezione, alla volontà di rendere il progetto un vero e proprio evento per la città e i suoi visitatori. Ci auguriamo che i marmi siano apprezzati dai cittadini e dai turisti, e che rappresentino un completamento ideale alla bellezza della città, da cui far scaturire nuovi progetti”.Fabio Viale - Arrivederci e Grazie
Questo progetto ci ha fatto innamorare subito, è un’occasione importante per arricchire il nostro splendido centro e far conoscere al grande pubblico l’arte della scultura – ha sottolineato il sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini -. L’idea, nata quasi per caso, è diventata un progetto concreto che la mia amministrazione ha voluto fortemente sostenere, per portare il marmo in Città, un’operazione che mai fino ad ora era stata fatta a San Miniato. Sono sicuro che i cittadini e i numerosi visitatori della Mostra apprezzeranno queste dieci opere sparse sul territorio, in un percorso non solo artistico ma anche pieno di bellezza”.
Daniele Guidugli - Moby Dick (Vertebra)
L’iniziativa è realizzata grazie anche al contributo di TENAX, Ms Carrelli, Pallets Bertini Group, Pallets Bertini Srl, Sanminiatese Strade, Saico, Elettrosistemi e Navigalibero ed è sostenuta dal Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.

You must be logged in to post a comment Login