UA-72767483-1

Musica elettronica in un frantoio attivo? Sì, grazie

Filed under Intrattenimento, News, Notizie

In occasione della XXI edizione di Frantoi Aperti, che si terrà in Umbria dall’1 al 25 novembre 2018 (www.frantoiaperti.net ), Dancity si apre ancora una volta al territorio con un evento speciale volto ad esaltare le ricchezze e le specialità della nostra regione. Nello specifico si tratta di “Oiler Room”, una performance musicale che avrà luogo sabato 10 novembre dalle ore 18:00 alle 24:00 presso la straordinaria cornice del Frantoio Marfuga di Campello sul Clitunno (Pg).

Ospite di questo speciale ed insolito evento, che vede realizzare una serata di musica elettronica in un frantoio attivo e funzionante, una delle figure più importanti nel panorama nazionale ed internazionale: DJ RALF. Eccellenza assoluta nel suo genere, è anch’egli umbro di fiere origini contadine ed è conosciuto nel mondo come produttore musicale e discografico, ma anche, a suo modo, “influencer” ed “opinion leader”. Un artista, dunque, che ben rappresenta l’attuale musica elettronica così come un frantoio di esperienza e qualità riconosciuta si pone nell’odierno panorama della produzione olearia.

Il format, Oiler Room, gioca su una delle esperienze più elettrizzanti ed innovative emerse nel variegato panorama della musica elettronica dell’ultimo decennio e avviata da una piattaforma multimediale inglese: quella di collocare un DJ con una storia alle spalle e la disponibilità a raccontarla e sviscerarla in musica fuori dai contesti urbani o extra-urbani abituali (il nome suggerisce un “locale caldaia”, ma potrebbe essere un appartamento, un garage e, perché no, un frantoio) per un gruppo fisiologicamente ristretto di persone e poi trasmettere questa esperienza e provare a farla vivere dall’altro capo del mondo a chiunque abbia voglia di seguire la diretta in rete o scaricarsene i contenuti a piacimento.

Un’iniziativa che presuppone la scelta del contesto giusto e degli attori più adatti a creare le condizioni ambientali perché né l’una né l’altra delle due realtà messe a confronto risulti snaturata: proprio per tale motivo si è puntato sull’eccellenza delle proposte su cui accendere i riflettori di un grande evento, ovvero due realtà che hanno un’affinità non solo geografica, ma anche filosofica.

Da un lato un Festival Culturale e Musicale orgogliosamente radicato in Umbria, a Foligno, dove da oltre 10 anni l’associazione che porta il suo nome (Dancity, gioco di parole tra densità, citta e movimento) offre una panoramica a 360° sulla evoluzione della musica elettronica, coltivando la promozione della ricerca e della sperimentazione in vari ambiti creativi senza mai perdere di vista forme e produzioni artistiche tradizionali che rappresentano sempre e comunque le radici da cui tutto nasce.

Dall’altro una delle aziende più innovative ed apprezzate del panorama umbro, gestita a Campello sul Clitunno dalla famiglia Gradassi, con una storia di diverse generazioni come garanzia di qualità e di esperienza, ma anche con un piede ben piantato nel futuro del settore e dotata di spazi moderni, confortevoli e tecnologicamente all’avanguardia in piena sintonia con la contemporaneità: basti dire che gli spazi “sociali” del Frantoio Marfuga si presentano con una veste e tratti estetici che potrebbero appartenere ad un locale di tendenza, con connubi stilistici anche azzardati e provocatori tra la modernità e la tradizione rurale (utensili della frangitura, un inginocchiatoio, memorie dell’immaginario contadino).

A completare questo tassello Antonio Ferrari, aka DJ RALF, classe ’57, icona del night clubbing dal 1987. Il suo percorso formativo parte dalla musica rock a Perugia per arrivare alla New York dei fine anni 80 da cui stava partendo una nuova tendenza, la house music. Inebriato, Dj Ralf ne fece il suo vessillo adattandola al proprio stile. Da lì in avanti la sua folgorante carriera è stata costellata da tantissimi successi, a dimostrazione del principio che ne è alla base: per lui la musica eleva lo spirito e libera la tensione nervosa diventando una esigenza ineluttabile del nostro quotidiano.

You must be logged in to post a comment Login