Le diete ipocaloriche favoriscono la comparsa di disturbi alimentari

Le diete ipocaloriche o restrittive aumentano il rischio di abbuffate e portano a sviluppare disturbi alimentari, oltre ad esporre al rischio di consumare più cibi ricchi di energia ma a basso contenuto di sostanze nutritive.

Lo ha trovato uno studio condotto nell’Università Internazionale di Valencia (VIU), in Spagna che, dopo aver sottoposto un gruppo di topi a situazioni di restrizione alimentare, ha concluso che la restrizione calorica e lo stress interagiscono in un modo unico per promuovere il binge eating.

La credenza comune è che per dimagrire bisogna mangiare di meno, ma sebbene sembri contraddittorio, dicono dalla VIU, la ricerca sui problemi nutrizionali indica che limitare il cibo può avere un effetto opposto a quello desiderato e promuovere le abbuffate, provocando un aumento di peso, oltre ad esporre al rischio di comparsa di disturbi alimentari.

In questo senso, dicono dalla VIU, “la restrizione alimentare è un circolo vizioso che porta ad abbuffate e al ritorno alla restrizione. Tuttavia, molte diete sembrano incoraggiare la restrizione degli alimenti e il controllo delle calorie. Queste diete non sono solo insostenibili, ma indirettamente incoraggiano il binge eating“.

Per dimagrire e mantenere un peso sano, invece, è necessaria l’adozione di abitudini alimentari corrette, insieme a un controllo del tipo di cibo che si mangia.
“È importante controllare le calorie ingerite, ma si dovrebbe prestare maggiore attenzione all’equilibrio calorico e alla differenza tra le calorie che si consumano e le calorie che si spendono”.

Un altro rischio derivante dalle diete ipocaloriche è l’aumento del consumo delle cosiddette “calorie vuote”, ossia degli alimenti trasformati e dei cibi ricchi di grassi e zuccheri.
Consumare 2.000 calorie sotto forma di frutta, verdura e proteine ​​senza grassi fornirà un risultato molto diverso rispetto al consumo delle stesse 2.000 calorie attraverso fast food e bevande analcoliche.

“Non si tratta solo della quantità di calorie, ma anche della qualità e del contributo nutrizionale di quelle calorie”, hanno affermato dalla VIU.
Consumare “cibi primari” (alimenti naturali integrali come frutta, verdura, proteine ​​magre, noci, semi e grassi sani omega 3) permette di ottenere i migliori risultati. Quando si consumano i cibi primari, il corpo invia i segnali ormonali corretti per indicare la sazietà e questo aiuta a evitare l’eccesso di cibo.

Un nuovo studio che ha utilizzato delle risonanzea magnetiche ha trovato danni nel cervello degli
Una proteina altamente espressa nel tessuto adiposo, secondo gli scienziati dello Scripps Research apre le
Le noci possono aiutare ad evitare l'aumento di peso, nonostante siano ricche di calorie. Esse
L'obesità è di solito associata a un aumentato rischio di altre patologie (malattie cardiache, diabete