Trovato nel cervello umano il neurone rosa canina

Il cervello umano contiene un tipo di neuroni mai visti nel cervello di topi o altri animali, secondo i risultati di una nuova ricerca presentata sulla rivista Nature Neuroscience.

Questi neuroni potrebbero aiutare a spiegare le eccezionali capacità del cervello umano.

Essi hanno una funzione inibitoria. Cioè, inibiscono l’attività di altri neuroni, dicono i ricercatori dell’Istituto Allen for Brain Science, con sede a Seattle (USA), autori dello studio.

Chiamati “rosa canina” perché hanno gli assoni disposti intorno al corpo centrale della cella che ricordano “una rosa dopo l’apertura i suoi petali “, sono neuroni molto interessanti.

Il lavoro, che ha coinvolto anche i neuroscienziati dell’Università di Szeged in Ungheria, si è basato su dei campioni di tessuto cerebrale di due uomini morti tra i 50 e i 60 anni, che avevano donato il loro corpo per studi scientifici.

I ricercatori stanno pianificando di cercare i futuri neuroni rosa canina nel cervello di persone con malattie psichiatriche morte, per vedere se questi neuroni hanno qualche influenza su queste malattie. Allo stesso modo, progettano di cercare se ci sono neuroni di rosa canina in altre regioni del cervello.

L'interazione e la comunicazione tra i neuroni, nota come "connettività funzionale", dà origine alle reti
Si sa che il jet lag ha effetti negativi sulla salute, ma non tutti sanno
Per decenni, gli scienziati hanno discusso se la nascita di nuovi neuroni - chiamata neurogenesi