UA-72767483-1

Giornate di studio: I Diritti dei Bambini 0-6 anni

Filed under Cultura e Società, News, Notizie
Per un approccio rispettoso dei diritti umani e degli affetti familiari…
Arriviamo prima del lupo cattivo!

Roma. Dal 25 al 28 maggio 2018 si terranno le Giornate di studio I DIRITTI dei BAMBINI 0-6 ANNI. Per un approccio rispettoso dei diritti umani e degli affetti familiari… arriviamo prima del lupo cattivo! organizzato dall’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF).

L’iniziativa vedrà l’istituzione e insediamento di un Tavolo tecnico per la redazione delle linee guida “Indicatori per la Responsabilità Educativa: la Patente del Genitore” con lancio venerdì 25 maggio alle 16.30 presso la Casa dell’aviatore Circolo Ufficiali dell’A.M. in Viale dell’Università, 20.

In seguito, il Tavolo tecnico e le varie iniziative delle Giornate di studio saranno tenuti nella sede dell’INPEF di Via dei Papareschi 11 con una serie di seminari tematici e sessioni laboratoriali nei giorni dal 26 al 28 maggio. Il Tavolo Tecnico sarà composto da giuristi, psicologi, pedagogisti, rappresentanti di associazioni e di istituzioni pubbliche.

“Riponiamo molte speranze e aspettative in quest’iniziativa.” Sostiene Paolo Roat, Responsabile Nazionale Tutela Minori del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) Onlus che parteciperà al Tavolo tecnico. “Il nostro Comitato si occupa da anni del problema degli allontanamenti facili basati su valutazioni soggettive di matrice psichiatrica. Pur nell’incompletezza e frammentarietà dei dati statistici, secondo alcune stime e dal nostro osservatorio privilegiato con più di 470 famiglie seguite, possiamo affermare che parecchi allontanamenti dalle famiglie avrebbero potuto essere evitati. Infatti, nel corso degli ultimi anni abbiamo avuto l’opportunità di riportare tanti bambini tra le braccia dei loro cari o di impedirne l’allontanamento, in particolar modo grazie alla collaborazione, alla guida e all’approccio scientifico e multidisciplinare della Professoressa Vincenza Palmieri. Questi successi ci hanno confortato nella nostra battaglia volta a tutelare i diritti dei bambini sanciti dalle convenzioni internazionali. Ci auguriamo che quest’iniziativa possa gettare delle basi solide affinché nessun bambino perda la sua famiglia.”

You must be logged in to post a comment Login