UA-72767483-1

Tokyo: la bellezza dell’artigianato tradizionale

Filed under Cultura e Società, News, Viaggi

Tokyo è una città ricca di sorprese e nasconde molti tesori ancora tutti da scoprire. La città lo scorso anno ha lanciato il nuovo logo e slogan Tokyo Tokyo Old meets New, per presentare all’estero il duplice carattere di una città che è in grado di generare sempre nuovi stili mantenendo vive le sue antiche tradizioni. Nella capitale infatti la tradizione incontra l’innovazione, e il governo metropolitano di Tokyo sta portando avanti il progetto Edo Tokyo Kirari Project, con l’obiettivo di far riscoprire le possibilità dell’artigianato giapponese che è profondamente radicato nella storia del periodo Edo (1603 – 1868)Il progetto mira a rivalorizzare la tradizione e il raffinato artigianato Edo, l’antico nome di Tokyo, per portare sotto la luce dei riflettori internazionali prodotti meno conosciuti dell’artigianato cittadino. Il programma è concepito per evidenziare il raffinato artigianato locale e i prodotti radicati nelle tradizioni di Edo-Tokyo come marchi rappresentativi di Tokyo, mostrando il loro valore e il loro fascino per il resto del Giappone.

Edo Tokyo Kirari Project è un progetto incentrato sul monozukuri di Tokyo (lett. “produzione di oggetti” che si traduce in senso lato con “artigianato”) di cui, nell’ambito della promozione, il governo metropolitano ha selezionato tre filoni principali, abbigliamento, cucina e living, individuando alcune aziende rappresentative per storia e tradizione per elevarle ambasciatrici del brand cittadino, la cui selezione continuerà anche nel corso del 2018 aumentando così il numero di aziende rappresentative.

Edo Komon Hirose Dye-Works nel quartiere di Shinjuku rappresenta la categoria dell’abbigliamento, con la sua storia risalente al 1893 e famosa per i suoi motivi edo komon, un tipo di decorazione delle stoffe caratteristica della antica Edo che Hirose Dye-Works applica a moderni prodotti di moda come la propria linea di stole. L’associazione no profit Japanese Culinary Academy, diretta da importanti chef di cucina giapponese del calibro di Yoshihiro Murata del ristorante tre stelle Michelin Kikunoi di Kyoto, nella sua sede nel quartiere di Minato è ambasciatrice del tema della cucina per la promozione la valorizzazione di prodotti tipici e locali di Tokyo come latte, verdure e riso; mentre, a rappresentare il tema del living, c’è Ubukeya, una coltelleria tradizionale nel quartiere di Chuo che affonda le sue radici nel 1783 e che produce raffinati coltelli in stile giapponese, tramandando da oltre 200 anni l’antico splendore di questi strumenti.

C’è un prodotto, inoltre, che racchiude tutti e tre gli aspetti del progetto ed è il simbolo dell’artigianato Edo: il vetro edo kiriko, un vetro decorato ad intaglio, tipico di Tokyo nell’epoca Edo. Questo vetro artigianale racchiude la bellezza visiva dei motivi edo komon e la raffinata sapienza delle mani artigiane giapponesi, ed è rappresentato da Edokiriko Shop Hanashyofondato nel quartiere di Koto nel 1946 che ad oggi ha sviluppato una linea di prodotti moderni con i motivi tipici dell’edo kiriko applicati anche al di fuori dell’arte vetraria, come tessili e caramelle.

A Tokyo, non solo è possibile ammirare o acquistare gli oggetti della tradizione, ma è anche possibile provare di propria mano l’esperienza di produzione artigiana. Presso l’Edo Kiriko-kan nel quartiere di Sumida, quartiere che peraltro raccoglie numerosissime altre testimonianze di epoca Edo come il Sumida Hokusai Museum e l’Edo Tokyo Museum, è possibile fare esperienza dell’intaglio del vetro edo kiriko con l’assistenza di un maestro artigiano.

You must be logged in to post a comment Login