Ricco o povero? La tua faccia lo rivela

Filed under Cultura e Società, In evidenza, Lifestyle, News

Un nuovo studio i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Personality and Social Psychology ha rivelato che lo stato finanziario delle persone si riflette sui loro volti e che gli altri possono facilmente capire se si è finanziariamente in buono stato, solo dall’aspetto.

Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Toronto dice che le persone, che stanno finanziariamente bene conducono spesso una vita pacifica e che questa felicità si riflette spesso sul loro volto.

Durante la ricerca, gli studiosi hanno utilizzato 160 fotografie in scala di grigi per determinare se dei soggetti fossero in grado di capire lo stato finanziario di queste persone, solo dal loro aspetto.

Le 160 persone comprendevano 80 maschi bianchi e 80 femmine e nessuno di loro aveva tatuaggi e piercing sul volto. La metà delle persone nelle foto guadagnava uno stipendio medio annuo di oltre $ 1,50,000, mentre le persone rimanenti guadagnavano sotto i $ 35.000.

Successivamente, ai soggetti è stato chiesto di indovinare la classe sociale delle persone delle foto e, cosa interessante, gli interpellati hanno risposto correttamente, il 68% delle volte.

Anche se i soggetti hanno indovinato correttamente lo stato finanziario delle persone osservando il loro aspetto, non è ancora chiaro come abbiano potuto formulare correttamente tali risposte.

“Le persone non sono veramente consapevoli di quali segnali stiano usando quando formulano questi giudizi: se chiedi loro perché, non lo sanno”, ha detto R. Thora Bjornsdottir, dell’Università di Toronto .

Nicholas Rule, coautore dello studio, ha dichiarato che il prossimo passo sarà condurre una ricerca sulle persone anziane per determinare se gli indizi facciali siano diventati più evidenti nelle persone, nel corso del tempo.

La relazione tra benessere e classe sociale era già stata dimostrata da ricerche precedenti: queste differenze di benessere si riflettono anche sui volti delle persone, secondo il nuovo studio.

You must be logged in to post a comment Login