Donne: attenzione all’anomalo sanguinamento vaginale

Sottovalutare il sanguinamento vaginale mette in pericolo la salute delle donne. La situazione è aggravata dalla carenza di acqua, di servizi igienici e dalla scarsa informazione, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito.

A dirlo uno studio, condotto nella Columbia University’s Mailman School of Public Health, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista  BMJ Global Health.

La donna può aspettarsi di avere circa 2400 giorni di sanguinamento mestruale tra i 12 e i 51 anni, dice lo studio, ma ci sono molte altre circostanze in cui può sperimentare un sanguinamento vaginale anomalo: dopo la il parto, per una emorragia, un aborto o a causa dell’endometriosi, della crescita di polipi e fibromi o, addirittura, del cancro cervicale.

Le donne possono anche sperimentare periodi particolarmente duri e dolorosi (metrorragia) o emorragie irregolari nella premenopausa e nella menopausa.

Emorragie prolungate o pesanti possono causare l’anemia, che può essere particolarmente critica per le donne che sono malnutrite o hanno delle condizioni anomale, come, ad esempio, quella dell’HIV.

I tabù sociali intorno al sanguinamento vaginale aggravano una eventuale situazione femminile anomala e impediscono di gestirla in modo adeguato.

Un progetto innovativo, guidato da Alexander Seifalian, il costruttore della prima trachea sintetica, da trapiantare
Il diabete può essere una fonte di disfunzione erettile, ma i disturbi causati da questa
Sempre più ragazze mostrano il loro desiderio di fare la labioplastica, ossia un intervento per