Il fumo uccide 7 milioni di persone ogni anno

Il tabacco uccide più di 7.000.000 di persone nel mondo ogni anno. A dirlo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che ha invitato le autorità a vietare la promozione del fumo e ad aumentare il suo prezzo e la sua tassazione.

In occasione della Giornata mondiale senza tabacco, l’OMS ha valutato anche l’impatto ambientale del tabacco nel mondo.

E’ emerso che la coltivazione del tabacco è in parte responsabile della deforestazione. Per ogni 300 sigarette, un albero è perduto, dicono gli esperti.

“il tabacco è una minaccia per tutti noi”, ha detto il direttore esecutivo OMS, Margaret Chan, in un comunicato, aggiungend che esso “esacerba la povertà, frena la produttività economica, spinge le famiglie a fare scelte alimentari povere e inquina l’aria interna”.

Il fumo ora uccide più di 7.000.000 persone all’anno, un numero che quasi è raddoppiato dall’inizio del ventunesimo secolo ( i morti causati  dal fumo erano 4 millioni all’inizio del 21esimo secolo).

Il tabacco uccide metà delle persone che lo consumano, secondo la relazione dell’OMS, ed è la principale causa di morte prevenibile tra le malattie non trasmissibili.

Le sigarette contengono più di 7.000 sostanze chimiche tossiche che avvelenano l’ambiente.

La Giornata mondiale senza tabacco è celebrata annualmente, ogni 31 maggio.

La chirurgia plastica ha un vantaggio inaspettato per la salute, aiuta le persone a smettere
Una ricerca britannica ha rivelato che la cattiva abitudine di fumare aumenta il rischio di
Una ricerca condotta dall'U. S. centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha rivelato che