La forma del naso si è adattata all’ambiente

La forma e le dimensioni del naso si sono evoluti per adattarsi ai diversi tipi di clima sulla terra, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica PLOS Genetics.

I risultati di questo nuovo lavoro, come dicono gli autori di esso, rinforzano quelli che avevano trovato studi precedenti, secondo cui le persone i cui antenati avevano vissuto in un clima caldo e umido avevano narici più larghe dei discendenti di persone vissute in zone fredde e secche.

Il freddo e l’aria secca non fanno bene al sistema respiratorio, hanno detto gli studiosi della Pennsylvania State University, osservando che “non c’è nessuna forma di naso universalmente migliore” e che “i nostri antenati si sono adattati al loro ambiente”.

Riconoscendo che la storia dell’evoluzione del naso è stata complessa, hanno suggerito che altri fattori, tra cui le preferenze culturali nella scelta del partner sessuale, hanno potuto anche svolgere un ruolo, oltre all’adattamento al clima, sulla forma del naso.

Il nuovo studio è stato fatto da un team scientifico internazionale, che ha utilizzato immagini 3D per misurare la forma del naso di 476 volontari, i cui antenati avevano vissuto nel Sud e nell’Est dell’Asia, in Africa occidentale e in Nord Europa.

Ora, gli studiosi dicono che è opportuno approfondire l’argomento, per sapere se la forma del naso e la dimensione della cavità nasale siano correlati al rischio di contrarre una malattia respiratoria, quando si vive in un clima diverso rispetto a dove hanno vissuto gli antenati.

C'è una nuova tendenza tra gli uomini, quella di radersi completamente la base del pene.
Solo il 16% dei maschi italici over 35 desidererebbe essere come un attore porno; il 59% riconosce che si
Simbolo di virilità e di fascino, talora anche vero accessorio di moda, la barba degli
I ricercatori della Northwestern Medicine, hanno scoperto che l'assunzione giornaliera di  aspirina raddoppia  quasi il