Con due pasti abbondanti si dimagrisce più che con sei spuntini

Da uno studio, presentato alla 73esima edizione del congresso mondiale dell’American Diabetes Association (ADA), che si è svolto quest’anno a Chicago, è emerso che il digiuno intermittente, ai fini della perdita di peso, è migliore che fare tanti piccoli pasti quotidiani.

hanaI ricercatori della Repubblica Ceca hanno seguito 54 pazienti con diabete di tipo 2, per 24 settimane.

I partecipanti allo studio sono stati divisi in due gruppi in modo casuale.

Entrambi i gruppi hanno seguito una dieta che riduceva l’apporto energetico di 500 calorie al giorno ed era composta per il 50-55% da carboidrati, per il 20-25% da proteine ​​e aveva una percentuale di grassi inferiore al 30%.

Un gruppo ha fatto tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) e tre piccoli spuntini tra i pasti. L’altro gruppo ha fatto un’abbondante colazione tra le 6 e le 10 e un abbondante pranzo tra le 12 e le 16.

E’ emerso che fare meno pasti, ma più abbondanti aveva determinato livelli di zucchero nel sangue a digiuno inferiori, con una produzione dell’insulina più efficiente.

L’autrice dello studio, Hana Kahleova ha detto che fare due pasti al giorno, a parità di calorie ingerite, porta a un calo di grasso nel fegato e a un incremento della sensibilità all’insulina maggiore, rispetto a quando si suddivide la stessa quantità di cibo in più spuntini nell’arco della giornata.

“I nostri risultati supportano l’antico proverbio, ‘Fai colazione come un re, pranzo come un principe e cena come un povero’, ha commentato Hana Kahleova dell’Institute of Clinical and Experimental Hematology di Praga.

Secondo gli esperti, comunque, non è necessario saltare la cena del tutto, ma bisogna abbondare a colazione e a pranzo, riservando all’ultimo pasto della giornata solo poche calorie.

(Nella foto, la dottoressa Hana Kahleova)

Bere un po' di alcol aiuta, più che fare esercizio fisico, le persone anziane, permettendo
Secondo Save the Children, in Italia, 1 milione e 131 mila minori vivono in povertà
L'aspettativa di vita globale è aumentata, ma non si vive in buona salute, in vecchiaia.
I ricercatori dell'Università di Rochester hanno sviluppato un'applicazione che può analizzare i selfie video e