Parkinson: non si deve essere un supereoe per conviverci

Per l’ottavo anno consecutivo si rinnova in tutta Italia l’appuntamento con la Giornata Nazionale Parkinson, promossa dall’Accademia LIMPE-DISMOV (Accademia Italiana per lo Studio della Malattia di Parkinson e i Disturbi del Movimento) e dalla Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS.

Il prossimo 26 novembre, su tutto il territorio nazionale, si terranno iniziative e incontri di informazione e confronto che coinvolgeranno le oltre 90 strutture locali aderenti, attraverso il supporto di personale medico qualificato.

Alla Giornata Nazionale Parkinson aderiscono anche le Associazioni Pazienti (Parkinson Italia e AIGP Onlus – Associazione Italiana Giovani Parkinsoniani) e  LIGHT OF DAY, Fondazione che organizza in tutto il mondo concerti evento rock folk avvalendosi di big del calibro di Bruce Springsteen e John Rzeznik (Goo Goo Dolls).

In ogni Paese metà dell’incasso dell’evento musicale è devoluto a un’associazione locale che si occupa della malattia.

Per l’Italia è stata scelta la Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS.

Testimonial della Giornata Nazionale è anche quest’anno il campione olimpico Jury Chechi, che in occasione della conferenza stampa di presentazione tenutasi a Milano lo scorso 10 Novembre ha ribadito l’importanza dell’attività fisica per affrontare la malattia senza subirla passivamente e contenere le disabilità migliorando la propria qualità di vita.

Per tutte le iniziative legate alla Giornata visitare il sito  www.giornataparkinson.it

Le novità e gli aggiornamenti della Giornata possono anche essere seguiti in tempo reale tramite la fanpage di Facebook e l’account Twitter #GNParkinson2016.

NON DEVI ESSERE UN SUPEREROE PER VIVERE CON IL PARKINSON

La conferenza stampa della Giornata Nazionale è stata anche l’occasione per presentare un progetto portato avanti dall’Accademia LIMPE-DISMOV e dalla Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS in collaborazione con Abbvie: una raccolta di spot per sensibilizzare e informare la gente sui problemi quotidiani di chi soffre di questa malattia che oggi può avere, insieme alle persone che lo circondano e se ne prendono cura, un atteggiamento positivo e una migliore qualità di vita.

I cortometraggi, frutto della selezione di un concorso per video-maker di tutto il mondo, indicano come il messaggio sia stato pienamente recepito dai partecipanti che hanno inviato filmati di grande impatto che saranno certamente apprezzati da tutti pazienti e che chiunque potrà vedere sul sito www.accademialimpedismov.it.

Nell’intera Penisola strutture aperte a tutti per aggiornarsi sulla malattia.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, gli scienziati del Dementia Research Institute
Una nuova ricerca suggerisce che rimuovendo l'appendice dal corpo si riduce il rischio di sviluppare
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i disturbi neurologici e le loro conseguenze colpiscono oltre 1 miliardo di persone in
Va di moda da alcuni anni il digiuno periodico, è stata la dieta delle star