L’uomo nudo tra Google, Apple, Facebook e Amazon

La maggior parte della gente non se ne rende conto. Con la nuova tecnologia, gli smartphone, i computer, la Rete, i social network, gli acquisti online… forniamo, talora quotidianamente, una mole incredibile di dati su di noi. Sono dati, che una volta assemblati possono essere utilizzati per manipolare e persuadere.

Queste informazioni che ciascuno fornisce sono chiamate i Big Data. Li detengono Google, Apple, Facebook e Amazon, i giganti del digitale che succhiano miliardi di dati della nostra vita attraverso internet, gli smartphone e i dispositivi connessi.

Il controllo delle nostre esistenze si verifica a tutto vantaggio di una nuova oligarchia mondiale. Per i big data la democrazia è obsoleta, come pure i suoi valori universali. È un’inedita dittatura che ci minaccia: una Big Mother ancor più terrificante del Big Brother.

Se li lasciamo fare diventeremo domani “uomini nudi”, senza memoria, programmati, sotto sorveglianza. È ora di agire.

Se ne parla in un libro pubblicato da Damiani editore. Il volume, intitolato “L’uomo nudo”, è scritto da Dugain Marc, Labbe Christophe ed è disponibile nelle librerie a 17 euro.

La salute si tutela anche facendo attenzione alla sicurezza informatica. È un concetto con cui
Attaccato da tutte le parti in seguito all'affare Cambridge Analytica, il capo di Facebook Mark
Un ragazzo 21enne di origine indiana, che si chiama Aran Khanna, ha perso uno stage