Anziani: proteine ed elettrostimolazione proteggono i muscoli

Filed under Lifestyle, Salute

La somministrazione di proteine durante il sonno è un modo efficace per promuovere la crescita muscolare. Le proteine, in combinazione con l’elettrostimolazione possono dare anche una spinta in più al corpo.

La perdita di massa muscolare e forza, è associata, in particolare, con l’invecchiamento. Questa condizione, in termini medici, è detta sarcopenia ed è uno stato che riduce l’indipendenza e la mobilità e rende più alto il rischio connesso col ricovero in una struttura ospedaliera o sanitaria.
Anche stando solo cinque giorni a letto, ad esempio per l’ influenza, si perde massa muscolare. Negli anziani, è molto difficile poi recuperare questa massa e mantenerla. Pertanto, i ricercatori sono alla ricerca di modi intelligenti per stimolare efficacemente la crescita muscolare contrastando l’atrofia.
Le proteine svolgono un ruolo importante nella costruzione muscolare. Durante il sonno ci sono molti processi del corpo a livelli bassi e si può agevolare, dunque, la produzione di tessuto muscolare.

In uno studio, a un numero di anziani sani sono state somministrati durante il sonno 40 grammi di proteine attraverso un tubo. Ciò ha portato a una maggiore disponibilità di aminoacidi nel flusso sanguigno. stimolando la produzione notturna del muscolo.
Con la stimolazione elettrica neuromuscolare, una tecnica basata sulle contrazioni muscolari indotte da scosse elettriche indolori, la crescita muscolare di notte è stata, inoltre, potenziata ulteriormente.

La combinazione di alimenti ricchi di proteine (prima o durante il sonno) e l’elettrostimolazione sono una strategia promettente per prevenire l’atrofia muscolare.

“Vogliamo che le persone anziane rimangano sane e attive il più a lungo possibile e che i pazienti costretti a letto recuperino il più velocemente possibile. Mantenere la massa muscolare e la forza è un anello importante, ma a volte questo è difficile. Ora abbiamo un metodo relativamente semplice che può aiutare “, ha detto Bart Groen della Maastricht UMC

You must be logged in to post a comment Login