I farmaci per l’ipertensione favoriscono la depressione

Alcuni farmaci comunemente prescritti contro l’alta pressione del sangue possono aumentare il rischio di sviluppare dei disturbi dell’umore, come la depressione o il disturbo bipolare, secondo un nuovo studio.

Alcuni ricercatori hanno confrontato quattro classi comuni di farmaci antipertensivi e valutato il rischio di sviluppare i disturbi dell’umore.

Hanno raccolto i dati di 525,046 pazienti (età 40-80 anni), selezionando 144,066 pazienti in trattamento per l’ipertensione con gli antagonisti dell’angiotensina, i beta-bloccanti, i calcio-antagonisti e i diuretici tiazidici.

I dati di essi sono stati confrontati con un gruppo di 111,936 pazienti che non assumevano questi farmaci.

I ricercatori hanno seguito i pazienti per cinque anni.

Lo studio pubblicato nel giornale dell’American Heart Association ‘Hypertension’, ha scoperto che ci sono stati 299 ricoveri ospedalieri, prevalentemente a causa di depressione maggiore, tra i pazienti studiati, in media dopo 2,3 anni che i pazienti avevano iniziato il trattamento antipertensivo.

i pazienti trattati con beta-bloccanti e calcio antagonisti avevano avuto un duplice aumento del rischio di ricovero ospedaliero per disturbi dell’umore, rispetto ai pazienti trattati con gli antagonisti dell’angiotensina.

I pazienti trattati con antagonisti dell’angiotensina avevano avuto il più basso rischio di ospedalizzazione per disturbi dell’umore rispetto ai pazienti trattati con altri farmaci per la pressione sanguigna.

Anche i pazienti che avevano assunto i diuretici tiazidici avevano mostrato lo stesso rischio per i disturbi dell’umore rispetto ai pazienti che avevano assunto farmaci antipertensivi.
“La salute mentale è poco considerata nella pratica clinica dell’ipertensione, invece il possibile impatto dei farmaci antipertensivi sulla salute mentale è una cosa di cui i medici devono essere consapevoli”, ha detto Sandosh Padmanabhan, professore dell’Università di Glasgow in Gran Bretagna.

Potrebbero interessarti anche...