Un comune antinfiammatorio contrasta la malattia di Alzheimer

Un farmaco antinfiammatorio comunemente usato, può trattare con successo il morbo di Alzheimer, curando l’infiammazione del cervello e la perdita di memoria, secondo un nuovo studio fatto su dei topi.

Si tratta dell’acido mefenamico, un comune  farmaco antinfiammatorio non steroideo, usato occasionalmente contro il dolore, come hanno detto i ricercatori.

Per lo studio, il team di scienziati, guidati da David Brough dell’Università di Manchester, nel Regno Unito, ha utilizzato dei topi transgenici che avevano sviluppato i sintomi del morbo di Alzheimer.

Un gruppo di 10 topi è stato trattato con l’acido mefenamico e 10 topi sono stati trattati con un placebo.

I topi sono stati trattati per un mese. In loro, con l’acido mefenamico, la perdita di memoria è stata completamente invertita ed è tornata ai livelli esistenti nei topi senza la malattia.

“C’è ora un’evidenza sperimentale del fatto che l’infiammazione nel cervello peggiora la malattia di Alzheimer”, hanno detto gli autori dello studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista ‘Nature Communications’.

“La nostra ricerca ha mostrato per la prima volta che l’acido mefenamico, può avere come bersaglio un importante percorso infiammatorio che danneggia le cellule cerebrali”, ha detto Brough.

"Secondo studi recenti una persona con HIV su quattro mostra deficit di tipo cognitivo; anche
Una dieta sana combinata con il giusto esercizio fisico e con un'adeguata attività mentale mantiene
Sappiamo tutti che la società, a causa dei progressi della tecnologia, sta cambiando a un
no studio condotto da neurologi dell'Università dell'Oregon (USA) ha rivelato che un breve set di