Bracciano: a rischio decine di posti di lavoro

Decine di lavoratori impiegati nei servizi Servizi di assistenza educativa scolastica, Progetto Alzheimer e assistenza domiciliare rischiano di perdere il lavoro a causa di un cambio appalto a dir poco discutibile.

Lo dichiarano in una nota Cristiano Ottaviani della Cisl Fp Roma Capitale e Rieti e Pietro Bardoscia della Uil Fpl Roma e Lazio.

Non sono bastati svariati incontri tra le OO.SS, la cooperativa Subentrante Anafi e quella uscente Rti Quadrifoglio/Omnia e la Responsabile Unico di Procedimento delle 2 gare del Comune di Bracciano per arrivare ad un punto di incontro che tutelasse i lavoratori attualmente impiegati.

Nel Terzo incontro, previsto per Venerdi 12 Agosto, la Cooperativa Anafi non si è persino presentata perché non in possesso di documenti richiesti solo qualche ora prima. In questo incontro si sarebbe dovuto stabilire insieme come da verbale di incontro del 10 Agosto tra OO.SS- Coop Quadrifoglio/Omnia- Anafi- e Comune Bracciano, quali operatori sarebbero dovuti rimanere in carico all’RTI Quadrifoglio – Omnia e quali sarebbero dovuti passare alla Coop. Anafi, cosi come previsto tra l’altro dall’art.37 CCNL Coop.Sociali in materia di cambi appalti.

Questo atteggiamento lo abbiamo riscontrato anche nel primo incontro effettuato il 5 Agosto, con i rappresentanti Anafi che hanno abbandonato il tavolo arbitrariamente.

Una modalità – proseguono i sindacalisti – che noi non accettiamo nella maniera più assoluta, facendoci pensare la poca volontà ad assorbire tutti i lavoratori interessati nei loro servizi. Per questo abbiamo inviato una richiesta urgente al Dipartimento Territoriale del Lavoro chiedendo la convocazione immediata delle Cooperative per il rispetto dell’art.37 CCCNL Coop Sociali ed abbiamo inviato alla Prefettura la dichiarazione dello Stato di Agitazione, annunciando una assemblea/presidio sotto il Comune di Bracciano per Mercoledi 31 Agosto 2016 e lo Sciopero di tutti i lavoratori impiegati in questi servizi il 12 Settembre.

Ancora una volta nel sociale a rimetterci sono i lavoratori e gli utenti che usufruiscono di questi servizi – concludono Ottaviani e Bardoscia- per questo chiediamo il supporto di tutti, compresi i cittadini per evitare questa nuova “macelleria sociale”.

Sono previsti molti disagi per i passeggeri di Ryanair quest’estate: dopo la conferma degli scioperi
Domani protesta dei Vigili del Fuoco, con quattro ore di sciopero nazionale, dalle 9 alle
Il diabete adulto rappresenta il 12% di tutte le cause di morte negli Stati Uniti,