Paraplegici ritrovano la sensibilità con un avatar virtuale

Dei paraplegici, paralizzati da anni, hanno ritrovato la sensibilità e il parziale controllo delle gambe, oltre a una vita sessuale, con una cura “senza precedenti”, attuata attraverso una riabilitazione cerebrale e fisica innovativa.

Fino ad ora, nessuno aveva mai osservato queste funzioni di recupero dopo una diagnosi di completa paralisi degli arti inferiori, ha detto il dottor Miguel Nicolelis, dell’Università americana Duke (Carolina del Nord) che ha condotto lo studio pubblicato nella rivista ‘Scientific Reports’.

Questi progressi “sorprendenti” e “senza precedenti” sono stati ottenuti dopo un anno di collegamento diretto tra il cervello e un sistema informatico, senza alcun impianto di chip, elettrodo o pacemaker nel corpo.

Ciascuno degli otto pazienti paralizzati in entrambe le gambe dovevano immaginare di andare a piedi attraverso un avatar virtuale, con la rappresentazione degli arti inferiori nel cervello.

La riabilitazione probabilmente ha riattivato i nervi del midollo spinale che erano sopravvissuti al trauma all’origine della paraplegia.

“Può essere un piccolo numero di residui di fibre del nervo, ma sufficienti per trasmettere segnali dall’area della corteccia motoria del cervello al midollo spinale”, ha spiegato Nicolelis.

La riabilitazione ha combinato un’intensa immersione nella realtà virtuale, rinforzata da segnali visivi e tattili.

I pazienti grazie alla cura sono stati in grado di eseguire dei movimenti volontari.

Dopo un anno, il controllo dei muscoli e la sensibilità di quattro pazienti aveva sufficientemente migliorato il livello della loro paralisi. Dopo venti mesi, avevano recuperato sette pazienti.

La maggior parte dei paraplegici ha anche beneficiato di un miglioramento nel controllo della loro vescica e nel funzionamento del loro intestino, riducendo la dipendenza da lassativi e sonde e il rischio di infezioni, una delle principali cause di morte, fra loro.

I migliori risultati sono stati registrati in due donne, paralizzate da più di dieci anni e senza alcuna sensibilità nella parte inferiore del loro corpo.

Una di queste pazienti ora può sedersi e guidare. Uno di loro è stata anche in grado, “per la prima volta”, di sentire il suo bambino e le contrazioni durante il parto

I pazienti maschi inoltre hanno riferito un miglioramento nelle loro prestazioni sessuali. “Alcuni di loro hanno recuperato la capacità di avere erezioni”, ha detto il dottor Nicolelis.

La riabilitazione potrebbe essere testata in futuro su pazienti recentemente paralizzati. Potrebbero beneficiare del sistema anche le persone affette da altre patologie, come ictus e malattie degenerative, secondo i ricercatori.

 

Potrebbero interessarti anche...