Una dieta povera di grassi non è il massimo per la salute

Nuovi studi hanno trovato che una dieta povera di grassi non è la migliore per la salute. Alcuni scienziati americani dell’Università del Minnesota hanno trovato che abbondanti grassi sani, come quelli consumati in una dieta mediterranea, costituiscono uno scudo contro il cancro, il diabete e le malattie cardiache.

Lo studio, basato su una combinazione di lavori fatti negli ultimi 50 anni, ha concluso che la miglior salute si ha con una dieta ricca di grassi, purché siano i grassi giusti.

Il grasso, secondo questo studio non è la principale causa dell’obesità globale, di cui sembrano più responsabili le diete che contengono molti zuccheri e carboidrati raffinati, come pane bianco, pasta bianca, cereali bianchi, a colazione, e patate fritte.

Secondo i ricercatori, i grassi sani contenuti nell’olio d’oliva, nel pesce e nelle noci, riducono il rischio di sviluppare alcune malattie gravi.

Scrivendo sulla rivista “Annals of Internal Medicine“, i ricercatori dicono che questi grassi, cardine della dieta mediterranea, sono associati a un 57% minor rischio di cancro al seno, al 29% minor rischio di infarto e ictus e a un rischio del 30% inferiore di diabete.

Secondo il capo ricercatore capo dello studio, Hannah Bloomfield, l’ossessione moderna per il cibo ligth e il conteggio delle calorie probabilmente non è il modo più sano di mangiare.

Si devono invece consumare vegetali e grassi monoinsaturi, l’olio di oliva in particolare, con un elevato consumo di legumi, pesce, frutta e verdura, e poca carne e latte.

Usare olio di oliva come grasso principale in cucina e nelle insalate e mangiare molta frutta e verdura di colori diversi, evitando cereali raffinati e prodotti con zucchero aggiunto, va ne, così come bisogna evitare di ingerire molta carne dando la preferenza al pesce.

Gli alimenti elaborati, che uniscono carboidrati e grassi, confondono il cervello primitivo. Lo ha trovato
Si parla spesso delle conseguenze degli alimenti sulla salute della bocca ma, probabilmente per il
I ricercatori britannici hanno trovano un fattore di rischio che potrebbe in parte spiegare lo
Le calorie non sono tutte uguali. Quelle provenienti dal consumo di zuccheri determinano le malattie