Gli omega-3 abbassano del 10% la mortalità per problemi cardiaci

Il consumo di omega-3 è legato a un abbassamento del 10% di morte per problemi cardiaci.

Uno studio epidemiologico ha trovato questi risultati analizzando diciannove diversi studi condotti in sedici paesi.

I risultati delle ricerche erano simili indipendentemente dall’età, il sesso, la razza, la presenza o l’assenza di diabete, l’uso di aspirina o di farmaci anti-colesterolo.

In totale, questi studi avevano incluso 45.637 partecipanti, di cui 7.973 avevano avuto un attacco di cuore per la prima volta e 2.781 erano morti.

La sintesi dei lavori ha rivelato che, in media, il consumo di omega-3 è legato a una riduzione del 10% del rischio di morte per un attacco di cuore.

Le persone con alti livelli ematici di omega-3 nello studio avevano avuto un rischio inferiore del 25% di soffrire di un attacco di cuore mortale, rispetto a che aveva livelli più bassi di questi acidi grassi.

I nostri risultati rafforzano l’importanza che ha il consumo di pesce e omega-3 in una dieta sana, ha detto il dottor Dariush Mozaffarian, della Tufts University di Boston, che ha condotto lo studio.

Oltre alla sua ricchezza di omega-3 il pesce fornisce specifiche proteine, vitamina D, selenio e altri minerali, hanno detto i ricercatori.

Gli omega-3 sono acidi grassi essenziali per l’organismo e per la salute cardiovascolare. Essi riducono i livelli di trigliceridi nel sangue, abbassano la pressione sanguigna e favoriscono l’aumento del colesterolo buono.

Sono contenuti in grandi quantità in alcuni pesci come il salmone, le sardine o le acciughe.

Oltre che nei pesci grassi si trovano nei crostacei, nell’olio vegetale (di semi di lino, di nocciole e di colza) nel tofu, nelle mandorle e nelle noci.

Il 25 settembre l’ Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite ha pubblicato il
Elevati livelli di trimetilammina N-ossido (TMAO), un composto legato al consumo di pesce, frutti di
Le donne che cercano una gravidanza dovrebbero aumentare il consumo di cereali integrali, acidi grassi
Le diete ricche di acidi grassi omega-3 possono anche migliorare la sensibilità all'insulina nelle persone