Zika virus: “Europa a rischio basso-moderato”, i consigli per chi viaggia

L’infezione da virus Zika, dichiarata a febbraio 2016 dall’OMS emergenza sanitaria pubblica, continua a diffondersi trasmessa attraverso le punture di zanzara. L’OMS considera l’Europa a rischio lieve-moderato e si prepara per l’arrivo di Zika quest’estate, con una serie di Raccomandazioni per i paesi membri.

Zika virus: i consigli di ICAR per chi viaggia

L’infezione da virus Zika, dichiarata a febbraio 2016 dall’OMS emergenza sanitaria pubblica, continua a diffondersi trasmessa attraverso le punture di zanzara. L’OMS considera l’Europa a rischio lieve-moderato e si prepara per l’arrivo di Zika quest’estate, con una serie di Raccomandazioni per i paesi membri.

Viene sconsigliato alle donne incinte di recarsi nelle zone dove il virus Zika è attivo: un elenco aggiornato delle zone colpite è pubblicato sul sito dell’European Center for Disease Control (ECDC) http://ecdc.europa.eu/en/Pages/home.aspx.

Secondo l’OMS, i viaggiatori che visitano questi Paesi dovrebbero utilizzare misure di prevenzione individuale contro le punture di zanzara al chiuso e all’aperto, soprattutto dall’alba al tramonto. E’ bene utilizzare repellenti per zanzare, secondo le istruzioni indicate sull’etichetta del prodotto; repellenti a base DEET non sono raccomandati nei bambini sotto i tre mesi di età, mentre possono essere utilizzati senza controindicazioni specifiche da donne in gravidanza. Si possono indossare camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi, soprattutto durante le ore in cui il tipo di zanzara che trasporta il virus Zika (Aedes) è più attivo. Si consiglia di dormire o riposarsi in camere con zanzariere alle finestre  o climatizzate e di utilizzare zanzariere da letto, anche durante il giorno.

I viaggiatori che presentano disturbi del sistema immunitario oppure malattie croniche gravi, le donne in stato di gravidanza o accompagnate da bambini piccoli, devono consultare il proprio medico prima della partenza, per ottenere raccomandazioni sull’uso di repellenti e delle altre misure di prevenzione. Si consiglia di avere rapporti sessuali sicuri (ad es. utilizzando correttamente i preservativi) o praticare l’astinenza sessuale durante la permanenza in zone infette e fino a 6 mesi dopo il ritorno a casa, in particolare se hanno avuto, o hanno attualmente, sintomi di infezione da virus Zika.

I sintomi che fanno sospettare la malattia da virus Zika sono: febbricola e rash cutaneo, ma anche congiuntiviti, dolori muscolari e articolari, mal di testa e astenia. Il virus generalmente determina una forma lieve di malattia; i sintomi compaiono un paio di giorni dopo la puntura e di solito scompaiono in 2-7 giorni. L’80% dei soggetti infettati è asintomatico. Chi presenta questi sintomi entro 3 settimane dal ritorno da aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus, sono invitati a contattare il proprio medico, avendo cura di riferire del loro recente viaggio. Le donne in gravidanza, che hanno viaggiato in aree a rischio, devono informare del loro viaggio durante le visite prenatali, al fine di essere valutate e monitorate in modo appropriato.

da un testo a cura di Salvo Cagnazzo

Il virus Zika non è pericoloso solo per le donne in gravidanza, causando anomalie del
In prossimità dei Giochi Olimpici di Rio, la preoccupazione per il diffondersi del virus Zika
In vista dei Giochi Olimpici (5-21 agosto 2016) e Para-Olimpici (7-18 settembre 2016 ) in
E' stato registrato un primo caso di una donna che ha trasmesso il virus Zika