L’ossigeno della cometa Tchouri è più antico della nostra galassia

L’analisi dell’ossigeno della cometa Tchouri ha rivelato che il gas è venuto dal vuoto che esisteva anche prima della nostra galassia.

L’ossigeno era stato scoperto sulla cometa Tchouri lo scorso ottobre e otto mesi più tardi, gli esperti hanno trovato che l’ossigeno della cometa è più antico del nostro sistema solare poiché esso risale a un periodo in cui un grande vuoto, ricco di raggi e polvere cosmica, occupava il posto in cui è ora la nostra galassia.

Nel loro articolo pubblicato mercoledì scorso su ‘The Astrophysical Journal Letters’, gli scienziati hanno spiegato anche come questo ossigeno è arrivato sulla cometa.

Nello spazio, il ghiaccio è stato irradiato e si è trasformato in acqua, liberando il passaggio di ossigeno.

La notizia scientifica è stata data in un momento in cui l’Europa ha perso il contatto con la sonda Rosetta mentre era a 5 km dalla superficie della cometa Tchouri, ma tutto poi è tornato normale e gli strumenti sulla sonda sono tornati a lavorare.

Lanciata nel 2004, la sonda europea è in orbita intorno la cometa Churyumov-Gerasimenko dall’agosto 2014.

La probabile fine della missione Rosetta è prevista per il 30 settembre.

Il robot Philae, che sembrava introvabile è riapparso. La fotocamera ad alta risoluzione di Rosetta
La cometa 67P, su cui si trova il robot Philae, raggiungerà il suo massimo avvicinamento
La missione della sonda Rosetta, che ha consentito l'atterraggio sulla cometa 'Tchouri' al robot Philae,