Consumare marijuana da adolescenti non altera l’intelligenza

Skunk_MarijuanaConsumare marijuana durante l’adolescenza non provoca lo sviluppo di psicosi e il ridotto quoziente di intelligenza a lungo termine, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

I ricercatori delle Università della California, Los Angeles, e del Minnesota hanno smentito ciò che aveva rilevato degli studi precedenti, sottoponendo a due test di intelligenza tremila persone.

Ogni partecipante è stato sottoposto a un primo test tra i 9 e i 12 anni, prima di aver provato la marijuana per la prima volta. Poi, è stato sottoposto a un secondo test da adolescenti, tra i 17 e i 20 anni.
Alcuni di loro avevano usato regolarmente cannabis o l’avevano già provata per la prima volta.

Confrontando i risultati, i medici non hanno trovato un legame tra la dipendenza da marijuana e il quoziente intellettivo.

Inoltre, gli scienziati hanno studiato gli effetti della cannabis sui gemelli, con un DNA è identico. Il risultato è stato lo stesso. Il Quoziente intellettuale non cambiava tra chi aveva consumato marijuana e chi no.

Gli scienziati ritengono che l’uso di cocaina non influenza direttamente il livello di intelligenza.

Le persone più intelligenti usano in media meno risorse del cervello per risolvere un problema
Una nuova ricerca ha trovato che le infezioni possono compromettere le capacità cognitive. Lo studio,
Una donna con un quoziente d'intelligenza basso può essere forzatamente sterilizzata per il suo bene.