Julian Assange accetterà l’arresto se l’Onu lo condannerà

Julian_AssangeDopo 3 anni e mezzo di reclusione nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra il fondatore di WikiLeaks intende uscire.

Io uscirò venerdì e accetterò l’arresto, se l’Onu si rifiuta di definire come illegale il mio arresto, ha detto in un comunicato Julian Assange.

La decisione sul destino di Assange dovrà essere annunciata venerdì.

Secondo la BBC, le Nazioni Unite venerdì si pronunceranno favorevolmente sul fondatore di Wikileaks, dicendo che la sua detenzione presso l’Ambasciata dell’Ecuador a Londra è arbitraria. Ma la sentenza non è vincolante e Assange potrà essere arrestato se lascerà quel posto.

Il fondatore di WikiLeaks si era rifugiato all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, nel 2012, per evitare l’estradizione in Svezia, paese in cui è accusato di stupro.

Assange nega le accuse e ritiene che se sarà portato in Svezia, verrà poi estradato negli Stati Uniti dove dovrà rispondere alle accuse di spionaggio legate a Wikileaks.

È stato presentato a New York il nuovo rapporto ONU su Lo Stato della Sicurezza Alimentare
World Water Council, Brasilia – Lo High Level Panel on Water (HLPW) ha diffuso un rapporto che pubblica le
Lunedì 27 marzo iniziano al Palazzo di Vetro dell’Onu di New York i negoziati per arrivare ad “uno strumento giuridico internazionale inteso
In tutto il mondo, il 12 agosto, è stata celebrata la Giornata internazionale della gioventù