Sta meglio l’infermiera scozzese guarita dall’Ebola, il virus era ancora nel suo cervello

L’infermiera scozzese che aveva contratto l’Ebola in Sierra Leone e che sembrava guarita prima della sua ricaduta, ora sta meglio, anche se il virus persiste nel suo cervello.

Il Royal Free Hospital di Londra, dove Pauline Cafferkey era stata ricoverata nel mese di ottobre, ha detto che la donna non più infettiva e l’ha inviata in un ospedale di Glasgow, in Scozia, vicino a casa sua.

“La sua condizione è stabile”, ha detto il London hospital in una dichiarazione.

La Cafferkey, 39 anni, aveva contratto l’Ebola nel dicembre 2014, quando una terribile epidemia della malattia imperversava in tre paesi dell’Africa occidentale.

La donna inizialmente guarita dalla febbre emorragica era stata mandata a casa nel mese di gennaio.
Ma nel mese di ottobre si era ammalata nuovamente e i medici avevano trovato che il virus dell’Ebola persisteva ancora nei tessuti nel suo cervello.

Peggiorate ancora le condizioni di salute dell'infermiera scozzese Pauline Cafferkey, che dopo essere apparentemente guarita
L'Ebola fa ancora paura dopo che una infermiera inglese che sembrava guarita ha avuto una
Lo stato di salute dell'infermiera britannica, infettata dal virus Ebola in Sierra Leone e messa