Malattia di Parkinson: l’interferone-beta può fermarla

Un meccanismo del sistema immunitario potrà regolare il gene legato alla malattia di Parkinson, secondo uno studio dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, pubblicato su ‘Cell’.

I ricercatori hanno trovato che la regolazione genica dell’interferone-beta (IFN beta) evita la morte neuronale e gli effetti della malattia di Parkinson.

I ricercatori hanno scoperto che l’IFN beta svolge un ruolo importante nel mantenere i neuroni sani.

Il team di ricerca ha scoperto che i topi che non avevano questo gene avevano sviluppato la malattia e dei sintomi clinici simili a quelli dei pazienti con malattia di Parkinson.

Da 7 a 10 milioni di persone nel mondo sono affette da questa malattia incurabile e progressiva del sistema nervoso che riguarda il movimento e la funzione cognitiva, dice lo studio, precisando che il cervello umano è costituito da circa 100 miliardi neuroni, che coordinano le attività in tutte le parti del corpo.

Potrebbero interessarti anche...