E…se il grasso non fosse poi così nocivo?

L’indice di massa corporea, basato sul peso e l’altezza, non è una misura accurata nel rilevare il contenuto dei grassi del corpo, secondo due ricercatori statunitensi.

I dottori Rexford Ahima e Mitchell Lazar di Perelman, la scuola di medicina dell’Università della Pennsylvania, hanno detto che, coloro che sono obesi, non sono necessariamente predisposti a diabete, malattie cardiache, apnea del sonno, cancro e altre malattie.

Anche se parecchi studi hanno indicato un aumento della mortalità nelle persone obese, la ricerca americana ha trovato che l’obesità può invece proteggere contro la morte dovuta a tutte le cause, tra cui quella dovuta alle malattie croniche come il diabete, l’infarto e l’ictus.

“C’è un urgente bisogno di strumenti precisi, pratici e convenienti per misurare, grasso e muscolo scheletrico e di biomarcatori che meglio possano predire i rischi di malattie e della mortalità”, ha detto il dottor Ahima.

La formula per misurare l’indice di massa corporea è stata inventata dal matematico belga Adolphe Quételet nel 1832. Essa è stata per decenni la base per molte ricerche, che sono andate prevalentemente in una direzione: quando la formula per BMI (peso in chilogrammi diviso per l’altezza in metri al quadrato) dà 30 o più, la linea di demarcazione per l’obesità, il rischio di malattie cardiovascolari, di diabete di tipo 2 e di alcuni tumori è superata a volte drammaticamente, rispetto a quando tale numero scende sotto a 25.

Ma, per la recente ricerca, se la percentuale di adulti obesi che hanno un profilo metabolico malsano è alta (21% negli Usa), anche l’8% degli adulti normopeso hanno un metabolismo malsano.

Il 10% degli adulti obesi invece è metabolicamente sano e non in pericolo di morire presto, anche se viene considerato insano dai datori di lavoro, dagli assicuratori, dalle autorità sanitarie che li invita a perdere peso.

La gente, ha detto Lazar, può avere un eccesso di peso per varie ragioni (genetiche, comportamentali, psicologiche, sociali…) e può essere sana o no, come può morire presto o vivere a lungo, per una serie ampia di motivi.

Per i due ricercatori americani bisognerà trovare nuovi metodi per migliorare la misurazione dell’obesità e dei fattori correlati, tenendo conto di fattori quali età, sesso, genetica, fitness, malattie preesistenti, composizione corporea, ormoni adiposi, citochine, miochine e altri biomarcatori come strumenti predittivi.

Scendi dalle nuvole, Esci dal guscio, Non mettere la testa sotto la sabbia: questi i tre messaggi della
La maggior parte delle persone in tutto il mondo non consuma la quantità di fibra
Lo sviluppo di nuove tecnologie nel trattamento delle patologie oncologiche ha migliorato notevolmente la prospettiva
Sentiamo spesso dire che bisogna fare almeno 10.000 passi ogni giorno, per rimanere in salute.