Via punture, ora la vaccinazione si fa con un cerotto

Alcuni ricercatori giapponesi hanno sviluppato un cerotto che può sostituire l’iniezione nelle vaccinazioni e può essere applicato facilmente.

I ricercatori dell’Università di Osaka hanno sviluppato questa patch, chiamata MicroHyala, per somministrare le vaccinazioni.

MicroHyala è un cerotto che ha piccoli aghi fatti di acido ialuronico, una sostanza naturale che si trova nelle nostre articolazioni. Dopo l’applicazione della patch, gli aghi attraverso l’epidermide sciolgono nel corpo il vaccino che contengono.

Il sistema utilizzato a posto delle tradizionali punture potrà essere più efficace nell’immunizzazione globale delle tradizionali iniezioni e potrà salvare la vita a quasi 3 milioni di persone, secondo l’UNICEF.

I programmi di immunizzazione hanno eradicato il vaiolo e sono vicini a debellare la polio. Le campagne di vaccinazione del mondo, però, non raggiungono il 20% dei bambini, contro i killer più micidiali, la difterite, il tetano e la pertosse.

Per somministrare i vaccini, i professionisti e i medici hanno bisogno di attrezzatura adeguata e questo rappresenta una sfida, in alcune aree del mondo. Ora, con il nuovo cerotto, si potranno somministrare facilmente i vaccini senza bisogno di particolari abilità professionali.

Il Professor Shinsaku Nakagawa, dell’Università di Osaka, ha detto che la patch è l’unico sistema di vaccinazione che è facilmente adattabile a un uso pratico diffuso, sottolineando il grande potenziale di un sistema per la vaccinazione di facile uso nei paesi in via di sviluppo.

“Questo dispositivo potrebbe essere prezioso per le campagne di immunizzazione, per raggiungere coloro che attualmente non hanno accesso alle vaccinazioni e, un giorno, per sradicare tutte le malattie prevenibili ovunque”.

“Sì, viaggiare”, recita una famosa canzone di Lucio Battisti. Ma farlo con consapevolezza è d’obbligo,
In questi ultimi giorni la rete italiana di malattie infettive sta registrando un incremento di
Calano le vaccinazioni, mentre riemergono malattie che sembravano del tutto debellate. Per alcuni la colpa
Gli episodi di meningite, verificatisi soprattutto in Toscana, hanno destato alcune preoccupazioni nell'opinione pubblica italiana.