Cancro del pancreas: diagnosi precoce con un test delle urine

Un nuovo test dà la speranza di poter lottare contro uno dei più terribili tipi di cancro dell’epoca contemporanea, quello al pancreas.

I ricercatori del Barts Cancer Institute della Queen Mary University di Londra hanno messo a punto un esame delle urine in grado di rilevare precocemente l’insorgenza del cancro al pancreas, oltre a patologie quali la pancreatite cronica, difficile da distinguere dal tumore, se non ci si sottopone a una TAC.

I ricercatori hanno descritto il loro studio (fatto su 488 campioni di urina prelevati da 192 pazienti con tumore al pancreas, da 92 persone con pancreatite cronica e da 87 volontari sani) sulla rivista ‘Clinical Cancer Research’.

Nella ricerca inglese, altri 117 campioni di urina, di individui con tumori al fegato o affetti da problemi alla cistifellea e colecisti, sono stati utilizzati per convalidare il test.

E’ emerso che nelle urine dei pazienti affetti da cancro al pancreas c’era una più alta concentrazione delle proteine LYVE1, REG1A e TFF1, rispetto alle persone sane o anche con pancreatite cronica.

Le tre proteine permettono di individuare il cancro del pancreas in fase I-II con oltre il 90 per cento precisione, dice lo studio.

E’ molto importante poter diagnosticare precocemente il cancro del pancreas, dato che esso è inizialmente asintomatico e nella situazione attuale permette la sopravvivenza solo al 3% dei pazienti, a cinque anni dalla diagnosi.

Anche se non c’è nessuna causa accertata che fa ammalare di cancro del pancreas, le persone a più alto rischio di svilupparlo includono quelle con una storia familiare di tumore del pancreas, i forti fumatori, gli obesi e le persone sopra i 50 anni con un diabete di nuova insorgenza.

Potrebbero interessarti anche...