Marte: Curiosity ha trovato alti livelli di silicio

Curiosity, il robot della NASA su Marte, ha trovato un substrato roccioso con livelli molto elevati di silice, un composto che forma le rocce e contiene silicio e ossigeno e si trova nella terra, di solito, sotto forma di quarzo.

La zona ispezionata è un pendio che il robot ha studiato vicino al Marias Pass, nella parte inferiore del Monte Sharp.

Gli operatori di Curiosity hanno deciso far rotolare il rover indietro di 46 metri dalla zona di contatto geologica per indagare l’obiettivo chiamato “Elk”, con alto contenuto di silice.

La decisione è stata presa dopo l’analisi dei dati forniti da due strumenti a bordo del rover, il ChemCam (Chemistry & Camera) e il DAN (Dynamic Albedo of Neutrons).

Gli alti livelli di silicio potrebbero presentare le condizioni ideali per la conservazione di materiale organico, primitivo, se ne esiste uno.

Fino a quando Curiosity ha cominciato a studiare il sito ad alto contenuto di silice, ha trovato un affioramento di pietra in cui due tipi di roccia si riuniscono in un’area vicina al Marias Pass.

Il robot, quasi al terzo anniversario dal suo atterraggio su Marte, ha raggiunto questa zona dopo essere salito su una pronunciata collina.

Un team di scienziati della Stanford University ha mostrato come la nanotecnologia possa essere utilizzata
Alcuni esperti australiani hanno reso noto di aver codificato un'informazione quantistica in silicio mediante semplici
I ricercatori dell'Università di Stanford hanno sviluppato il primo computer in nanotubi di carbonio, una