Virus dell’Hiv arretrato in una 18enne francese

Una giovane donna francese di 18 anni, nata con l’HIV, ha visto regredire il suo virus significativamente. E’ la prima volta al mondo che il virus è arretrato in una persona infettata. In termini clinici in questi casi si parla di remissione totale.

La giovane in questione non assumeva più alcun farmaco da oltre 12 anni.

Il caso presentato alla Conferenza internazionale sull’AIDS a Vancouver, in Canada, è il primo esempio di inversione del virus a lungo termine in un bambino.

La giovane era stata infettata dalla madre, durante la gravidanza o nel parto, e aveva ricevuto quattro antivirali fino a sei anni, quando la famiglia aveva deciso di interrompere tutti i trattamenti.

Fino ad ora, ogni volta che un bambino aveva interrotto il trattamento, il virus aveva aumentato la sua aggressività in modo esponenziale.

Il caso francese potrebbe aprire nuove strade per la ricerca, ma gli scienziati sottolineano che si tratta di un’eccezione.

Tutti al lavoro siamo costantemente alle prese con liste di cose da fare, mille progetti
Le dimensioni e la struttura delle città influiscono sulla diffusione dell'influenza, secondo un nuovo studio
Due casi su tre, dai campioni prelevati da persone che i loro medici curanti ritenevano
Dal 12 al 14 giugno la IX edizione di ICAR all'Università di Siena: attesi circa