Hackerato il sito di incontri Ashley Madison, diffusi i dati

Il sito di incontri extraconiugali Ashley Madison è stato violato e una piccola parte dei dati di alcuni utenti è apparsa brevemente online.

La riservatezza dei dati personali di 37,5 milioni di persone è stata direttamente minacciata, mentre gli hacker, che hanno operato sotto il nome di The Impact Team, hanno chiesto la chiusura del sito Ashley Madison.

In caso contrario, hanno minacciato, di pubblicare tutti i nominativi degli utenti che sono nel database, con le loro fantasie sessuali, le loro operazioni connesse alla loro carta di credito, i nickname e la vera identità, l’indirizzo, il nome del datore di lavoro, l’indirizzo di posta elettronica.

Gli hacker hanno anche denunciato la “falsa” politica di protezione dei dati da parte di Ashley Madison. Il sito, infatti, offre un servizio a pagamento per eliminare tutti i dati, ma in realtà i le informazioni correlate alle operazioni bancarie (nome, indirizzo, ecc.) rimangono sul server.

La società canadese Avid Life Media (ALM) che possiede il sito AshleyMadison.com, ha confermato che il sito è stato bersaglio degli hacker, aggiungendo però di aver risolto la situazione.

l numero di dati rubati non è ancora chiaro. Ma fa pensare che il grosso problema ci sia stato mentre la società deve entrare presto nel London Stock Exchange.

«Postepay bloccata dalla Polizia Postale»: il messaggio che mette in allarme può essere una truffa. 
I cyber-attacchi costano ad ogni azienda nel mondo una media di 11,7 milioni di dollari l’anno*: dato
Con lo smartphone, è ora più facile e più veloce guardare dei video pornografici, ma