News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

30% di morti in più, quest’anno, per gli eventi meteorologici estremi

acqua
Kamuzu bridge, one of the main trade route of Malawi at risk of being flooded
As of 12 March 2023, the Malawi Department of Climate Change and Meteorological Services projects that Tropical Cyclone Freddy will hit Malawi and that impacts of torrential rains and damaging winds are imminent over southern areas.
Monday 13 March is expected to witness the heaviest rainfall. Rainfall accumulations over southern Malawi could reach 400mm to 500mm over the space of 72 hours.
Some reports of flooding have already been reported with people trapped by water climbing in trees for safety.
The Ministry of Education has suspended all classes in the ten at-risk districts in the southern region of Malawi on Monday 13 and Tuesday 14 March.
There is no humanitarian response underway yet, however, preparedness interventions are in place. Relief items have been stockpiled at the WFP-managed Humanitarian Staging Area.
WFP is in the process of procuring Corn Soya Blend Plus (CSB+) from a local supplier. This will be available to support the potential emergency response.

Nel 2023 almeno 12mila persone – il 30% in più rispetto al 2022 – hanno perso la vita a causa di inondazioni, incendi, cicloni, tempeste e frane a livello globale, secondo una nuova analisi di Save the Children. Gli eventi meteorologici estremi stanno diventando sempre più frequenti e gravi a causa della crisi climatica. Su circa 240 eventi climatici di questo tipo registrati nel 2023, la banca dati internazionale sulle catastrofi EM-DAT ha registrato un aumento del 60% dei decessi dovuti a frane, un aumento del 278% dovuti a incendi e del 340% dovuti a tempeste tra il 2022 e il 2023, causati in gran parte dal devastante bilancio delle vittime in Libia a seguito delle inondazioni provocate dalla tempesta Daniel a settembre.

L’analisi di Save the Children evidenzia anche come siano stati i Paesi a basso reddito a sopportare il peso maggiore della crisi climatica nel 2023. Infatti, oltre la metà delle vittime nel 2023 proveniva da Paesi a reddito basso o medio-basso[2], e quasi la metà (45%) delle persone uccise (5.326) da Paesi responsabili per meno dello 0,1% delle emissioni mondiali, secondo l’Emissions Database for Global Atmospheric Research (EDGAR) dell’Unione Europea[3].

“L’analisi mostra chiaramente come la crisi climatica colpisca in modo sproporzionato coloro che hanno contribuito meno a causarla e che sono meno in grado di resistere ai suoi effetti più dannosi, rafforzando ulteriormente condizioni di disuguaglianza, povertà e sfollamento”, ha dichiarato Kelley Toole, Responsabile globale per i cambiamenti climatici di Save the Children. “Le migliaia di morti causate dagli eventi meteorologici estremi di quest’anno sono un esempio particolarmente drammatico dell’enorme impatto che i cambiamenti climatici hanno sui bambini, sulle famiglie e sulle comunità. Questi disastri lasciano le bambine e i bambini senza casa, senza scuola, affamati e con la paura che inondazioni, tempeste e incendi possano togliere la vita ai loro cari. Dobbiamo aumentare in modo significativo i finanziamenti per il clima e far sì che tengano in considerazione le esigenze dei bambini, anche per quanto riguarda le risorse necessarie a riparare le perdite e i danni causati dalla crisi climatica. L’accordo raggiunto a COP28 che sancisce la transizione dai combustibili fossili va nella giusta direzione, ma è ben lontano dalla rapida eliminazione dei combustibili fossili, disperatamente necessaria per garantire una giusta transizione per i bambini di tutto il mondo”.

Il 2023 è stato segnato da una serie di catastrofi climatiche per i bambini e le loro famiglie. A febbraio il ciclone Freddy ha portato distruzione in Madagascar, Malawi e Mozambico, colpendo il Mozambico una seconda volta a marzo. Il ciclone tropicale, uno dei più lunghi mai registrati, ha ucciso circa 1.400 persone in tutta la regione, sfollato migliaia di persone e distrutto oltre 1.600 scuole in Mozambico e Malawi, interrompendo l’apprendimento di centinaia di migliaia di bambini.

In Madagascar, le studentesse Anjo, 11 anni, e Juliana, 6 anni, non hanno avuto più accesso all’educazione dopo che il ciclone ha distrutto le loro scuole. Save the Children ha aiutato le ragazze fornendo materiale scolastico per consentire loro di tornare a scuola. “Tutti i miei quaderni si sono bagnati e rovinati durante il ciclone. Ora voglio andare a scuola, grazie per lo zaino e i kit scolastici”, ha raccontato Anjo. Il padre di Juliana è rimasto senza lavoro a causa del maltempo e dei danni subiti. “Di conseguenza, non mangiamo abbastanza bene. Save the Children mi ha dato uno zaino, penne, matite, gomme e quaderni. Non solo, ma ha anche supportato economicamente mia madre. In seguito, la qualità del cibo è migliorata e sono motivata ad andare a scuola”, ha detto Juliana.

Secondo i rapporti di ECHO[4] e delle Nazioni Unite[5], in Pakistan quasi 200 persone, di cui quasi la metà bambini, sono state uccise in incidenti legati alla pioggia durante la stagione dei monsoni iniziata a fine giugno. Le inondazioni di quest’anno hanno amplificato una situazione ancora difficile per le comunità dopo le grandi alluvioni del 2022, che sono state tra le peggiori nella storia del Paese. Quasi 500 bambini hanno perso la vita nel devastante diluvio dello scorso anno[6].

Mentre nell’ultimo secolo il miglioramento delle previsioni, della preparazione e della gestione delle catastrofi ha ridotto il numero di persone che muoiono a causa di disastri meteorologici, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale il numero di eventi meteorologici estremi a livello globale è aumentato di cinque volte negli ultimi 50 anni. Una ricerca della Vrije Universiteit Brussel[7], pubblicata da Save the Children, ha rilevato che un bambino nato nel 2020 sperimenterà in media un numero di ondate di calore sette volte superiore a quello di un bambino nato nel 1960, un numero doppio di incendi e un’esposizione quasi tripla a inondazioni fluviali, crolli dei raccolti e siccità.

Save the Children opera in 116 Paesi, affrontando il problema del cambiamento climatico in tutte le sue attività. L’Organizzazione sostiene i bambini e le loro comunità a livello globale nella prevenzione, nella preparazione, nell’adattamento e nella ripresa dai disastri climatici e dai cambiamenti climatici graduali. Ha messo in piedi scuole galleggianti, ricostruito case distrutte e fornito sussidi economici alle famiglie colpite da disastri per far fronte alle esigenze dei più piccoli. Save the Children collabora anche al fianco dei più piccoli che si battono per il clima e che chiedono un cambiamento. I giovani di tutto il mondo chiedono un migliore accesso all’educazione climatica, maggiori finanziamenti per infrastrutture resilienti al cambiamento climatico e di sedere nei tavoli di confronto con i decisori politici.

Pin It on Pinterest