Donne: cosa cercano oggi in una relazione

Quali sono le premesse di un appuntamento nell’era del Romanticismo Contemporaneo? Fino a qualche tempo fa, il nostro immaginario, alimentato da decine e decine di commedie sentimentali e stereotipi vari ed eventuali, ci avrebbe fatto pensare subito a un date da sogno con una nostra personale versione del Principe Azzurro, in grado di conquistarci a suon di galanterie, mentre ci apre la portiera della sua fiammante macchina sportiva, per portarci a una cena elegante in un ristorante stellato, presentandosi magari con un mazzo di rose rosse.

Oggi, per fortuna, le cose sono completamente cambiate e le donne, soprattutto quelle delle nuove generazioni, cercano tutt’altro: Bumble, la prima dating app in cui sono le donne a fare la prima mossa, ha condotto una ricerca* su un campione di oltre 1000 italiane per trovare la risposta a una domanda cruciale: cosa cerchiamo oggi in una relazione? L’obiettivo era indagare il modo in cui le italiane vedono le relazioni, il romanticismo, i miti e le aspettative sugli appuntamenti, i tabù legati al sesso e all’intimità.

Sebbene più di una donna italiana su tre (39%) sia risoluta nell’affermare che il Principe Azzurro non esiste, ci sono alcuni attributi da tenere d’occhio quando si esce con qualcuno. Queste “Green Flags” sono quindi comportamenti positivi, che possono aiutare a capire se qualcuno condivide valori simili ai nostri.

A partire dalla ricerca, Bumble ha identificato le 5 principali “Green Flags” per il romanticismo nel 2023.

1 – Viva la spontaneità e l’onestà!
Le regole del romanticismo stanno cambiando, non si tratta più solo di pagare una cena o regalare dei fiori. Il romanticismo è ora più legato alle intenzioni che ai grandi gesti.
La ricerca di Bumble mostra che, sebbene le donne italiane desiderino ancora il romanticismo, ciò che percepiscono come romantico è diverso dalle generazioni precedenti. Oggi, la comunicazione onesta e aperta (77%), la maturità emotiva (76%) e il rispetto per la propria indipendenza (70%) sono considerati aspetti assai più romantici di comportamenti tradizionali, come la cavalleria o i gesti plateali.
Per incoraggiare una conversazione autentica fin dall’inizio, Bumble prevede una finestra di 24 ore durante la quale la donna deve fare la prima mossa dopo un incontro. Anche l’altra persona è incoraggiata ad agire e rispondere entro altre 24 ore, altrimenti il match viene disattivato.

2 – Fateci ridere!
Quali sono le doti più ricercate in un partner? L’intelligenza è la qualità più amata in assoluto (68%) assieme al senso dell’umorismo (57%) e alla mentalità positiva (51%). Meno rilevanti l’aspetto fisico, la buona istruzione e un lavoro di successo.

Questa predilezione per i fattori interiori, a scapito di quelli puramente esteriori, è in linea con una delle tendenze del dating individuate da Bumble per il 2023. La ricerca di Bumble** ha rilevato che l”Open Casting”, l’opposto del “Type-casting”, è in aumento. Cosa significa concretamente? Una persona su 3 (38%) è più aperta a considerare di frequentare qualcuno che non sia necessariamente il suo “tipo”, mentre 1 persona su 4 (28%) dichiara di dare sempre meno importanza alla frequentazione di persone scelte in base a quello che gli altri si aspettano da loro. Questo dimostra che le donne danno più valore alle doti interiori rispetto all’aspetto fisico e che un po’ di sano umorismo può fare davvero la differenza!

3 – L’importanza della condivisione di interessi, passioni e hobby
Condividere uno stile di vita simile (65%), i valori familiari (48%), l’amore per i viaggi e l’avventura (41%) e per gli animali domestici (40%) sono i principali collanti di una buona relazione di coppia nel 2023. Ciò che davvero fa scattare la scintilla è l’idea di avere degli hobby in comune che garantiscano la possibilità di fare delle cose insieme e condividere del tempo di qualità.
Non a caso, su Bumble è possibile scegliere tra oltre 150 badge riguardanti lo stile di vita e gli interessi da aggiungere al proprio profilo, ad esempio “cucina”, “concerti”, “cosa cerchi nel tuo prossimo incontro”. Attraverso i badge, è possibile comunicare facilmente il proprio stile di vita e i propri valori e trovare altre persone che la pensano allo stesso modo.

4 – Che bello poter parlare liberamente di sesso!
Più della metà delle donne italiane (53%) dichiara di parlare apertamente di sesso, desiderio e preferenze sessuali, e questo è anche ciò che cerca in un partner. Infatti, 4 intervistate su 10 (41%) trovano più attraenti coloro che si sentono a proprio agio nel parlare di sesso. Ciò nonostante, è importante sondare il terreno durante un appuntamento e rispettare i limiti dell’altro, poiché 1 donna su 3 (32%) teme di essere giudicata per la propria esperienza e storia sessuale quando incontra una persona nuova. Non sorprende quindi che lo stesso numero di donne percepisca ancora il sesso come un tabù in Italia, cosa che è ancora più frequente nelle donne della Generazione Z.

5 – Ci piacciono sempre di più gli uomini che non seguono ruoli e schemi di genere
L’uguaglianza di genere è sempre più un fattore di rottura: quasi 2 donne italiane su 3 (63%) dichiarano che NON uscirebbero con qualcuno che non difende questo valore.
Questo significa che anche alcune pratiche di corteggiamento ormai consolidate vengono messe in discussione: più della metà (53%) delle intervistate appartenenti alla Gen Z afferma che non è essenziale che l’uomo paghi per entrambi al primo appuntamento. E la stragrande maggioranza (80%) delle intervistate trova ammirevoli le donne che prendono l’iniziativa negli appuntamenti e nelle relazioni.

La Dott.Ssa Valeria Locati, psicologa ed esperta di relazioni di Bumble, spiega:
“I meccanismi che fanno scattare la “scintilla” tra due persone, soprattutto tra le nuove generazioni, si sono straordinariamente evoluti, soprattutto negli ultimi anni. Con il cambio di paradigma dei riferimenti culturali e sociologici, reso evidente anche da un nuovo immaginario che si sta sempre più affermando (basti pensare a film e serie tv), è sorprendente constatare quanto oggi le relazioni non rappresentino più solo la culla di un romanticismo culturalmente agognato, ma rivelino una nuova essenza delle priorità individuali. A dispetto di quanto si possa credere, i più giovani dimostrano di essere molto più “concreti” e “pratici” nella ricerca dell’amore: badano alla condivisione dei valori, sono consapevoli dell’importanza di una comunicazione esplicitamente orientata alle emozioni e hanno capito che è fondamentale sentirsi liberi di esprimersi, fuori e dentro la coppia”.

Naomi Walkland, Vicepresidente marketing per l’Europa di Bumble, dichiara:
“I giovani in Italia stanno ridefinendo il romanticismo, cercando legami costruiti sul rispetto reciproco e sulla comunicazione aperta. Bumble è stata fondata sulla convinzione che una maggiore uguaglianza negli appuntamenti porti effettivamente a relazioni più sane, ed è incoraggiante vedere che le donne italiane sono d’accordo, con 2 su 3 che dichiarano che non uscirebbero con qualcuno che non sostiene l’uguaglianza di genere”.


Pubblicato

in

,

da

Tag:

Pin It on Pinterest