News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

L’inverno più difficile per milioni di rifugiati tra Ucraina, Afghanistan e Siria

Per milioni di persone, quest’inverno, esiste il rischio concreto di dover scegliere se mangiare o riscaldarsi. Sono rifugiati e sfollati che, costretti a fuggire da conflitti e persecuzioni e a lasciare tutti i loro beni e le reti di sostegno, durante questi mesi freddi dell’anno rischiano di trovarsi dinanzi alla drammatica impossibilità di scaldare i loro alloggi di emergenza, procurarsi vestiti e coperte per ripararsi dal gelo, preparare pasti caldi. Una delle situazioni più drammatiche è in Ucraina: dall’inizio del conflitto, quasi un terzo delle persone è stato costretto a lasciare le proprie case. Oltre 7,8 milioni di persone sono state registrate come rifugiati in tutta Europa, mentre altri 6,5 milioni sono sfollati all’interno dei confini nazionali. All’interno del Paese, la situazione continua a deteriorarsi. Milioni di persone vivono in case danneggiate o in edifici inadatti a proteggerli dal freddo, con interruzioni di energia, di riscaldamento e di approvvigionamento idrico.

Con la campagna “L’inverno più difficile”, l’UNHCR lancia una raccolta fondi per aiutare le famiglie di sfollati e rifugiati e rispondere tempestivamente ai bisogni più urgenti, nei mesi più freddi dell’anno.

L’INVERNO PIÙ DURO, TRA GELO E INSICUREZZA ALIMENTARE

Per le persone in fuga da violenze e persecuzioni, questo è davvero l’inverno più duro di sempre. Il gelo e le temperature estreme si abbattono su anziani, bambini, donne e uomini in fuga, già provati da gravissime crisi globali: ai perduranti effetti della pandemia da COVID-19 si sommano gli effetti del conflitto in Ucraina, in particolare l’aumento esorbitante del costo di prodotti essenziali, come cibo, carburante ed energia. Questi rincari costringeranno tante famiglie di rifugiati e sfollati a una lotta per la sopravvivenza per coprire i costi di acqua e pasti caldi, vestiti invernali, riscaldamento e medicinali.

Già nel 2021, complici la crisi economica e i problemi di approvvigionamento alimentare dovuti alla pandemia, quasi 193 milioni di persone erano in condizioni di insicurezza alimentare acuta, con un aumento di quasi 40 milioni rispetto al 2020. La guerra in Ucraina, uno dei maggiori fornitori di cereali al mondo, ha fatto impennare il costo di alimenti di base come il grano e l’olio vegetale. Il World Food Programme (WFP) ha previsto che se il conflitto continuerà ad avere un impatto sulla produzione di grano e mais, nel 2023 altri 47 milioni di persone saranno spinte verso l’insicurezza alimentare acuta.

MILIONI DI SIRIANI, IRACHENI E AFGHANI SONO A RISCHIO

Dopo oltre 40 anni di conflitto, l’Afghanistan rimane una delle situazioni umanitarie più complesse al mondo, con 3,5 milioni di afghani sfollati a causa dei conflitti e circa 1,5 milioni per fenomeni climatici estremi. In alcune zone del paese le temperature invernali possono facilmente scendere a -25 gradi lasciando migliaia di famiglie esposte alle intemperie. L’inverno si abbatte su un Paese già provato da 40 anni di conflitto, da una forte crisi economica e dal terremoto che lo scorso giugno, nel sud-est delle province di Paktika e Khost, ha significato per migliaia di persone perdite devastanti.

Lo scenario non è migliore in Siria: i rifugiati e gli sfollati dovranno affrontare di nuovo il freddo estremo e tempeste di neve. Questo sarà il dodicesimo inverno consecutivo in fuga per molti di loro. Ci sono oltre 10 milioni di rifugiati siriani e iracheni e di sfollati interni in Siria, Libano, Giordania, Iraq ed Egitto. L’UNHCR stima che 3,4 milioni di loro si trovano in uno stato di bisogno estremo.

L’APPELLO: SOPRAVVIVERE A QUEST’INVERNO SARÀ UNA DURA SFIDA, URGE L’AIUTO DI TUTTI

“Stiamo vivendo una fase nella quale i conflitti e le violenze si sovrappongono ad altre crisi di natura economica, geopolitica e climatica – dichiara Laura Iucci, Direttrice della Raccolta Fondi UNHCR Italia. E purtroppo, mentre crescono esponenzialmente i bisogni umanitari, le risorse disponibili si riducono drammaticamente. Negli ultimi mesi siamo stati costretti a ridimensionare numerosi programmi essenziali per far fronte al gap di finanziamenti. A farne le spese sono i rifugiati e gli sfollati più vulnerabili: questo inverno moltissime famiglie sono a rischio di non farcela. Rivolgo un appello a tutti i donatori affinché ci aiutino a salvare vite umane. Basta anche un piccolo gesto per fare la differenza.”

Per UNHCR la risposta umanitaria alle criticità determinate dall’inverno sarà la priorità numero uno per i prossimi mesi. L’intervento si concentra principalmente in Ucraina e nei Paesi limitrofi (Bulgaria, Ungheria, Moldavia, Polonia, Romania e Slovacchia), in Afghanistan, Siria e Iraq e nei paesi di accoglienza nell’area (Libano, Giordania e Egitto). I pilastri dell’operazione invernale in tutti questi Paesi sono: 1) riparazione di case danneggiate e isolamento termico degli alloggi di emergenza; 2) fornitura di beni essenziali per la sopravvivenza, tra i quali coperte termiche, stufe, abiti invernali; 3) assistenza economica diretta che consente alle famiglie vulnerabili di far fronte alle spese principali, tra i quali l’affitto, il riscaldamento e il cibo.

Tutti possono sostenere la campagna L’inverno più difficile. Per donare:

SITO: https://bit.ly/UNHCR_emergenza-inverno

bonifico bancario intestato a UNHCR – IBAN: IT84R0100503231000000211000

bollettino postale sul conto corrente postale intestato a UNHCR – Numero: 298000