News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

Brasile: carne da allevamenti situati su campi deforestati illegalmente in Amazzonia

Un’indagine condotta da Greenpeace Brasile, Repórter Brasil e Unearthed ha scoperto che JBS, l’azienda brasiliana leader mondiale nella lavorazione della carne, ha acquistato negli ultimi quattro anni 8.785 bovini provenienti da allevamenti che si trovano su terreni deforestati illegalmente in Amazzonia e di proprietà di Chaules Volban Pozzebon, noto come “il più grande deforestatore del Brasile” e attualmente in carcere per molteplici reati, tra cui proprio la deforestazione illegale. Secondo l’indagine, i bovini allevati in quelle aree potrebbero essere stati esportati in tutto il mondo. Commentando l’indagine, JBS ha ammesso di aver acquistato bestiame da allevamenti legati a Pozzebon già nel 2015.

È emerso inoltre che importanti istituzioni finanziarie – tra cui alcune banche dell’UE – hanno fornito ingenti finanziamenti alla JBS mentre l’azienda era in affari con Pozzebon. Dando un esempio positivo, nove istituzioni finanziarie con 175 miliardi di euro di fondi in gestione hanno appena pubblicato una lettera in cui chiedono all’Unione Europea di includere le istituzioni finanziarie con sede nell’UE in una nuova legge anti-deforestazione, per impedire alle banche di essere complici della deforestazione globale.

“Aziende legate alla deforestazione continuano a essere finanziate da banche europee. Gli attuali sistemi di autoregolamentazione, nazionali e aziendali, non riescono a garantire acquisti sicuri ai consumatori e mettono in crisi i tentativi dell’Unione Europea di proteggere il clima, la biodiversità e i diritti umani. Se vogliamo evitare che l’UE finanzi la deforestazione a livello globale, i ministri europei devono mettere in atto una nuova e forte legge anti-deforestazione applicata anche al settore finanziario. Serve un’azione urgente, coraggiosa e più seria per proteggere la natura e i diritti umani”, dichiara Federica Ferrario, responsabile della campagna agricoltura di Greenpeace Italia.

Secondo l’indagine, JBS ha ricevuto centinaia di milioni di crediti e investimenti da banche dell’UE mentre era in affari con Pozzebon: dal 2018 al 2022, JBS ha ottenuto 172 milioni di dollari di crediti solo dalla spagnola Santander, che è stata una delle sei banche a sottoscrivere il Sustainability-Linked Bond (SLB) da un miliardo di dollari di JBS nel giugno 2021. Mentre i governi si sono impegnati ad elaborare leggi per escludere la deforestazione dalle filiere di prodotti a rischio come la carne bovina e la soia, le istituzioni finanziarie dell’UE continuano a finanziare JBS e altri produttori di carne notoriamente legati alla deforestazione. Secondo Global Witness, dal 2016 i finanziatori con sede nei 27 Stati membri dell’UE hanno ricavato circa 401 milioni di euro di proventi dalla distruzione delle foreste.

Greenpeace chiede una forte legge europea per garantire che nessun prodotto legato a deforestazione, degrado forestale, distruzioni di ecosistemi o violazioni dei diritti umani sia venduto sui mercati dell’UE o finanziato da istituzioni finanziarie con sede nell’UE. In contrasto con la posizione debole adottata dai ministri europei dell’Ambiente alla riunione del Consiglio dello scorso giugno, a settembre il Parlamento europeo ha votato a favore di una forte legge anti-deforestazione dell’UE che si applicherebbe anche al settore finanziario. I negoziati tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione europea sul testo della nuova legge dell’UE sono in corso e il testo finale dovrebbe essere approvato entro la fine del 2022.

Pin It on Pinterest