News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

Oggi voglio parlarti di API

Oggi voglio parlarti di API che anche se periodicamente mi mandano in ospedale e cercano di uccidermi da una vita, io ammiro ed osservo… forse un pò troppo da vicino? Stimo la loro tenacia, il modo sereno di vivere in una comunità, la devozione nella salvaguardia della specie, la dedizione al lavoro, la fiducia fra di loro, il modo in cui collaborano senza pensare al proprio Ego. Credo che mi piacciono perchè vedo il futuro in loro… sole se l’umanità imitasse certi comportamenti. Qui a Sant’Egle le api di tutti coloro che hanno un arnia vengono a bere, nella nostra Bio_Piscina e nel Bio_Lago. Non solo quest’anno perchè c’è siccità, da sempre, perchè qui, l’acqua per tutti gli animali selvatici, è sempre a disposizione. In annate come questa, ci sono meno fiori e le api producono meno miele. Per questo, quando andrai a comprare un miele, ricordati di scegliere solo apicoltori che NON RUBANO IL MIELE ALLE API ma accettano i compromessi e tutelano questa preziosa specie, senza la quale, non mangeremmo una serie infinita di frutta e verdura perchè mancherebbe il loro lavoro di impollinatrici. E’ si, senza le Api il nostro eco sistema andrebbe in ciampanelle e rimarremo senza cibo.

Ti spiego come funziona un allevamento intensivo di api. Che ci siano fiori e piogge o no, loro per far crescere le piccole api, lavorano tutto il giorno per portare a casa polline che diventerà miele, il nutrimento per i piccoli. I cattivoni (allevatori intensivi), anche se il miele è poco, glielo prendono ugualmente e danno alle api, acqua e zucchero che trasformeranno in miele (di bassa qualità) per i piccoli. Logicamente è come dare un latte artificiale invece di una tetta materna ad un bambino. Il nutrimento e gli anticorpi non sono uguali e poi le api si ammalano e poi le devono curare con medicinali e poi… e poi… si sa come queste storie non hanno un fine che giustifichi il mezzo.

Ecco, ora lo sai e quindi non hai scuse quando andrai a comprare il prossimo barattolo di miele.

Qui a Sant’Egle l’unico miele raccolto quest’anno è quello di girasole e di millefiori che sono fioriti copiosi, tutti gli altri mieli sono della passata raccolta perchè abbiamo deciso di NON RUBARE IL MIELE ALLE API.