L’intelligenza artificiale per tutelare acqua e coltivazioni

desertificazione, ambiente
siccità
Carts transporting animal food to drought affected areas in Higlo Kebele, Adadle wereda, Somali region of Ethiopia.
The 2021 drought has been the worst in recent years and has had an impact on a very large scale in the Somali Region.
Ethiopia is experiencing prolonged drought with three consecutive poor rainy seasons, the first time in four decades; three consecutive rainy seasons have failed since late 2020. There are indications that the next rainy season in March/April 2022 may also be well below normal.
The intense and ongoing drought will cause significant food and income loss, worsening food insecurity through mid-2022. Crisis (IPC Phase 3) outcomes are expected in southern and south-eastern pastoral areas in the coming months, with some households facing Emergency (IPC Phase 4) levels of hunger.
According to the Somali Region Drought Response Plan December 2021:
• up to 3.3 million people are likely to require food assistance in the next three months.
• 2.2 million people are facing water shortages and need urgent water trucking.
• 173,000 children under 5 years of age and pregnant and lactating women are malnourished.
• 260,000 livestock have died, signalling growing stresses and vulnerability to human populations. These challenges are exacerbating longer-term difficulties linked to COVID-19, inflation, desert locust invasions, poor infrastructure, and drought.
• During a nutritional screening conducted in the Somali Region in December 2021, 22 percent of children and a third of pregnant and breastfeeding women were found to be wasted. All zones exceeded the emergency Global Acute Malnutrition (GAM) threshold of 15 percent, and eight of 11 zones having higher than 20 percent prevalence.
Response
WFP is scaling up its support to reach 2.7 million beneficiaries in the Somali Region with emergency food assistance and cash-based transfers. WFP supports over 30,000 women and children of th

La siccità è realtà ed è un problema attuale e globale, che riguarda tutti e che va oltre specifiche zone, superando i confini regionali. In Italia la fotografia è allarmante, con oltre il 20% del territorio nazionale a rischio desertificazione fin dal 2018 e con una situazione ulteriormente complicata dall’assenza di precipitazioni degli ultimi mesi, che non ha riguardato solo le aree meridionali del paese. Il deficit di pioggia e neve (rispettivamente -60% e -80% rispetto alla media stagionale) ha infatti messo in crisi le principali aree rurali del nord Italia, con i grandi invasi di acqua riempiti a livelli minimi e ben al di sotto della loro capacità.

Gli italiani sembrano aver compreso la situazione: secondo una recente ricerca IPSOS per Finish[1], infatti, la situazione odierna e lo spettro della desertificazione preoccupano il 62% degli intervistati, con una percentuale che aumenta all’83% se viene ampliato l’orizzonte temporale e si guarda al futuro. Preoccupazione che, nel presente, rimane elevata per il sud Italia e le isole (69%) ma che, proprio in ottica futura, vede il nord-ovest guadagnare il primo posto (63%), a causa del forte stress idrico a cui sono sottoposte Piemonte e Lombardia, seguito da sud e isole (62%), dal centro (59%) e dal nord-est (57%).

Questa situazione ha un impatto diretto e inevitabile sull’agricoltura, settore che a causa di siccità e fenomeni atmosferici è considerato a forte rischio dal 56% degli intervistati e che pertanto, per resistere alla “crisi”, è costretto a trovare nuove aree da coltivare o a ricercare e ad accelerare su nuovi investimenti. A questo proposito, dalla ricerca IPSOS per Finish emerge particolare preoccupazione per quanto concerne le risorse idriche in futuro: il 25% ha dichiarato una certa preoccupazione per i fenomeni di prolungata siccità (+13% se paragonato ai timori sul presente), il 24% per lo scioglimento dei ghiacciai e il 19% per la presenza di fenomeni atmosferici intensi sempre più brevi e limitati ad alcuni periodi dell’anno.

In un contesto così complicato, anche gli interventi mirati possono fare la differenza. In occasione della Giornata Mondiale per la Lotta alla Desertificazione e alla Siccità, in programma il prossimo 17 giugno, torna il progetto “Acqua nelle nostre mani”, l’iniziativa di Finish, con il supporto di Future Food Institute, che sfida la siccità e che mette l’acqua e la sua tutela al centro di tutte le attività, rappresentando il proprio impegno attraverso interventi concreti sul territorio.

Dopo le attività in Cilento nel 2020 e in Sicilia nel 2021, l’iniziativa farà tappa quest’anno in Puglia – tra le regioni a maggior rischio desertificazione (57% del territorio) – a sostegno della piantumazione e della coltivazione dell’olivo, pianta fondamentale per il mantenimento del corretto equilibrio ambientale e barriera naturale contro la desertificazione. L’intervento, in corso di realizzazione, vedrà la piantumazione diretta di oltre 500 alberi resistenti al batterio della Xylella e un intervento di monitoraggio idrico delle coltivazioni su un totale di 500 ettari distribuiti nella provincia di Brindisi, che garantirà un risparmio annuale (considerate le 20 settimane di stagione estiva) di oltre 150 milioni di litri d’acqua. L’attività verrà svolta in collaborazione con la Cooperativa Agricola Sociale di Comunità “Borgo Ajeni di San Michele Salentino.

A supporto di questo intervento ci sarà, pertanto, anche la tecnologia: strumento sempre più fondamentale per contribuire a ridurre lo stress a cui è sottoposta l’agricoltura nel nostro paese. In continuità con quanto fatto in passato, verrà installata l’innovativa tecnologia “Daiki” di SmartIsland, startup siciliana selezionata nel 2021 nell’ambito di una Call for Startup dedicata, che sarà in grado di rilevare, fin dal momento della piantumazione, dati climatici e idrici utili a monitorare il fabbisogno idrico delle piante, oltre che a prevenirne le malattie.

In particolare, il monitoraggio sarà reso possibile attraverso una serie di tecnologie di Data Analysis che hanno l’obiettivo di prelevare informazioni sullo stato di coltivazione della pianta, in modo da offrire il corretto fabbisogno idrico e generare di conseguenza un’attività di irrigazione controllata.

I dati raccolti dai robot di intelligenza artificiale non saranno solamente di natura visiva ma anche di carattere fisico e chimico, offrendo informazioni su possibili elementi avversi capaci di attaccare la pianta, oltre che fornire all’agricoltore feedback mirati sugli interventi necessari. I dati misurati vengono raccolti in tempo reale da specifiche centraline, connesse con system integration in grado di determinare specifici comportamenti, quali ad esempio l’apertura o la chiusura delle valvole e l’attuazione dei motori.

[1] Ricerca Ipsos CAWI su un campione rappresentativo di oltre 1000 individui in Italia. Gennaio 2022

Lifestyle News

“Antonio” è il secondo italiano che potrà accedere al suicidio assistito

“Antonio”, paziente marchigiano tetraplegico dal 2014, è il secondo italiano che potrà accedere legalmente al suicidio assistito in Italia. Dopo Federico Carboni, ora anche “Antonio”, assistito dal collegio legale dell’Associazione Luca Coscioni*, è riuscito a far valere il proprio diritto di vedere rispettata la sua volontà di accedere al suicidio medicalmente assistito. La procedura in […]

Leggi tutto
Intrattenimento News

Rome International Documentary Festival: scelti i dieci film in concorso

Sono state selezionate le dieci opere documentarie, tutte realizzate nel biennio 2021-22, che concorreranno al Rome International Documentary Festival (RIDF), in programma dal 24 al 30 settembre al Cinema delle Provincie, a Roma. La manifestazione, alla sua prima edizione, si propone di festeggiare il cinema documentario e fornire occasioni di ispirazione e crescita per tutti […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia Viaggi

Cagliari: meta turistica italiana preferita del 2022

Dopo due anni di pandemia, la voglia di mettersi in viaggio è più forte che mai. Secondo lo studio dell’Osservatorio Confturismo-Confcommercio, quest’anno gli italiani pronti a partire per le ferie sono stati ben 23 milioni, numero che si avvicina ai dati degli anni pre-pandemia. Circa l’85% del campione ha scelto per le proprie vacanze mete […]

Leggi tutto